Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Caneva, l'incidente risale a novembre, indagine dei carabinieri

URTA UN CICLISTA E SCAPPA, IL PIRATA HA 83 ANNI

Un 64enne di San Fior riportò lesioni per 100 giorni di prognosi


SAN FIOR - Al volante della sua auto aveva tagliato la strada, con una repentina svolta a destra, ad un ciclista 64enne di San Fior, Vittorio De Zan, ma poi aveva proseguito senza fermarsi a soccorrerlo. L'incidente era avvenuto lo scorso 7 novembre a Caneva in via Livenza. A distanza di alcuni mesi i carabinieri della stazione di Aviano hanno denunciato il responsabile dell'incidente, un 83enne del luogo. Il ciclista trevigiano era stato subito soccorso da alcuni ciclisti e passanti mentre il conducente dell'auto si era prima fermato poco distante ma era ripartito poco dopo, senza prestare soccorso al ferito. Il 64enne si era poi recato all’ospedale di Pordenone: per lui la prognosi era stata di 100 giorni.