Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due anni e tre mesi inflitti in aula a un 69enne di Codognč

SOTTOMETTE LA MOGLIE PER 40 ANNI: MARITO CONDANNATO

Era chiamato a rispondere di maltrattamenti in famiglia



CODOGNE'
– Per quasi quarant'anni, in pratica da quando si sono sposati, un 69enne di Codognè avrebbe reso la vita impossibile alla moglie, costringendola in uno stato di sottomissione psicologica che alla fine ha portato la donna a trascinare il marito in tribunale. Accusato di maltrattamenti in famiglia, l'uomo è stato riconosciuto colpevole e condannato a due anni e tre mesi di reclusione oltre al pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva di 10 mila euro. Il giudice ha disposto che l'intera entità del risarcimento danni debba essere stabilita in sede civile. La difesa parlava soltanto di sei episodi, di cui alcuni senza riscontro, ma la vittima in aula ha raccontato anni di presunti soprusi conditi da minacce di morte anche con un fucile. In un caso, a cena, sarebbe anche partito un colpo in aria.