Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/156: SERGIO GARCIA Č IL MIGLIORE AL DESERT CLASSIC

A Dubai grandi nomi e... neve, delude Tiger Woods


DUBAI - Dal 2 al 5 febbraio, l’evento dell’European Tour che ha visto la partecipazione di Tiger Woods, e cui prendevano parte anche gli azzurri Matteo Manassero, Renato Paratore e Nino Bertasio. All’Emirates GC di Dubai Par 72. A difendere il titolo, era l’inglese Danny...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/155: I 25 ANNI DEL CLUB "I SALICI" DI TREVISO

Tra gli eventi per l'anniversario anche una Lousiana a due


TREVISO - Domenica 29 gennaio è partita la prima delle gare di corollario, al festeggio delle nozze d’argento che il Golf Club "I Salici" di Treviso celebra quest’anno: una gara di coppia, Louisiana a due. Ho avuto l’opportunità di partecipare anch’io, ed...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/154: IL PGA TOUR INGRANA LA QUINTA

Nel torneo in California brilla anche Francesco Molinari


Dopo il brillante finale di stagione 2016 alle Hawaii, Francesco Molinari inizia il 2017 partecipando, dal 19 al 22 gennaio al Careerbuilder Challenge, con cui il PGA Tour ha portato il gioco in California allo Stadium di La Quinta, che ha ben tre percorsi: lo Stadium Course, il Nicklaus Tournament...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due anni e tre mesi inflitti in aula a un 69enne di Codognč

SOTTOMETTE LA MOGLIE PER 40 ANNI: MARITO CONDANNATO

Era chiamato a rispondere di maltrattamenti in famiglia



CODOGNE'
– Per quasi quarant'anni, in pratica da quando si sono sposati, un 69enne di Codognè avrebbe reso la vita impossibile alla moglie, costringendola in uno stato di sottomissione psicologica che alla fine ha portato la donna a trascinare il marito in tribunale. Accusato di maltrattamenti in famiglia, l'uomo è stato riconosciuto colpevole e condannato a due anni e tre mesi di reclusione oltre al pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva di 10 mila euro. Il giudice ha disposto che l'intera entità del risarcimento danni debba essere stabilita in sede civile. La difesa parlava soltanto di sei episodi, di cui alcuni senza riscontro, ma la vittima in aula ha raccontato anni di presunti soprusi conditi da minacce di morte anche con un fucile. In un caso, a cena, sarebbe anche partito un colpo in aria.