Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due anni e tre mesi inflitti in aula a un 69enne di CodognŔ

SOTTOMETTE LA MOGLIE PER 40 ANNI: MARITO CONDANNATO

Era chiamato a rispondere di maltrattamenti in famiglia



CODOGNE'
– Per quasi quarant'anni, in pratica da quando si sono sposati, un 69enne di Codognè avrebbe reso la vita impossibile alla moglie, costringendola in uno stato di sottomissione psicologica che alla fine ha portato la donna a trascinare il marito in tribunale. Accusato di maltrattamenti in famiglia, l'uomo è stato riconosciuto colpevole e condannato a due anni e tre mesi di reclusione oltre al pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva di 10 mila euro. Il giudice ha disposto che l'intera entità del risarcimento danni debba essere stabilita in sede civile. La difesa parlava soltanto di sei episodi, di cui alcuni senza riscontro, ma la vittima in aula ha raccontato anni di presunti soprusi conditi da minacce di morte anche con un fucile. In un caso, a cena, sarebbe anche partito un colpo in aria.