Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due anni e tre mesi inflitti in aula a un 69enne di Codognč

SOTTOMETTE LA MOGLIE PER 40 ANNI: MARITO CONDANNATO

Era chiamato a rispondere di maltrattamenti in famiglia



CODOGNE'
– Per quasi quarant'anni, in pratica da quando si sono sposati, un 69enne di Codognè avrebbe reso la vita impossibile alla moglie, costringendola in uno stato di sottomissione psicologica che alla fine ha portato la donna a trascinare il marito in tribunale. Accusato di maltrattamenti in famiglia, l'uomo è stato riconosciuto colpevole e condannato a due anni e tre mesi di reclusione oltre al pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva di 10 mila euro. Il giudice ha disposto che l'intera entità del risarcimento danni debba essere stabilita in sede civile. La difesa parlava soltanto di sei episodi, di cui alcuni senza riscontro, ma la vittima in aula ha raccontato anni di presunti soprusi conditi da minacce di morte anche con un fucile. In un caso, a cena, sarebbe anche partito un colpo in aria.