Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Silea, cerca di scappare ma la sua auto finisce in un canale

FURTO ALLA CAVA "MOSOLE", LADRO ARRESTATO

Spariti 300 litri di gasolio, in manette l'autore del furto


SILEA - E' stato sorpreso, all'alba di ieri, mentre rubava litri e litri di gasolio da alcuni camion parcheggiati all'interno della cava “Mosole” di via Cendon a Silea. Ad essere arrestato dai carabinieri un rumeno di 44 anni, M.N., disoccupato e con vari precedenti di polizia alle spalle. Il “vampiro” era riuscito a riempire la sua auto, una Ford Galaxy, con ben 12 taniche di carburante, 300 litri in tutto.
L'episodio è avvenuto verso le ore 05.30, quando lo straniero, alla guida del mezzo, è stato notato da una guardia giurata mentre usciva dall’ingresso della cava con le targhe, anteriore e posteriore, parzialmente coperte da uno straccio. Il 44enne, cercando di sfuggire al metronotte, è finito con l'auto in un canale che costeggia la strada ed è poi fuggito a piedi attraverso i campi.
I carabinieri intervenuti sul posto hanno ritrovato a bordo della vettura sia la refurtiva che vario materiale da scasso oltre a un dispositivo elettrico artigianale per aspirare il gasolio dai serbatoi. Gli investigatori sono riusciti rapoidamente a rilalire alla proprietaria dell'auto, una donna rumena residente a Treviso, in via Don Milani. Ai carabinieri è bastato appostarsi nei pressi dell’abitazione per pizzicare, qualche ora dopo, il fuggitivo che, bloccato, ha subito ammesso le proprie responsabilià. L’arrestato, trattenuto nella camere di sicurezza del comando di via Cornarotta in attesa, comparirà oggi di fronte al giudice per il processo per direttissima.