Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Silea, cerca di scappare ma la sua auto finisce in un canale

FURTO ALLA CAVA "MOSOLE", LADRO ARRESTATO

Spariti 300 litri di gasolio, in manette l'autore del furto


SILEA - E' stato sorpreso, all'alba di ieri, mentre rubava litri e litri di gasolio da alcuni camion parcheggiati all'interno della cava “Mosole” di via Cendon a Silea. Ad essere arrestato dai carabinieri un rumeno di 44 anni, M.N., disoccupato e con vari precedenti di polizia alle spalle. Il “vampiro” era riuscito a riempire la sua auto, una Ford Galaxy, con ben 12 taniche di carburante, 300 litri in tutto.
L'episodio è avvenuto verso le ore 05.30, quando lo straniero, alla guida del mezzo, è stato notato da una guardia giurata mentre usciva dall’ingresso della cava con le targhe, anteriore e posteriore, parzialmente coperte da uno straccio. Il 44enne, cercando di sfuggire al metronotte, è finito con l'auto in un canale che costeggia la strada ed è poi fuggito a piedi attraverso i campi.
I carabinieri intervenuti sul posto hanno ritrovato a bordo della vettura sia la refurtiva che vario materiale da scasso oltre a un dispositivo elettrico artigianale per aspirare il gasolio dai serbatoi. Gli investigatori sono riusciti rapoidamente a rilalire alla proprietaria dell'auto, una donna rumena residente a Treviso, in via Don Milani. Ai carabinieri è bastato appostarsi nei pressi dell’abitazione per pizzicare, qualche ora dopo, il fuggitivo che, bloccato, ha subito ammesso le proprie responsabilià. L’arrestato, trattenuto nella camere di sicurezza del comando di via Cornarotta in attesa, comparirà oggi di fronte al giudice per il processo per direttissima.