Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Gestivano il bar "Punta dell'est" a San Vito di Altivole

COCAINA VENDUTA AL BAR, BLITZ DEI CARABINIERI

In quattro ora ai domiciliari: tre siciliani e un barista romeno


SAN VITO DI ALTIVOLE - Il bar "Punta dell'est" di San Vito di Altivole, in via Castellana, era la loro base operativa: è principalmente qui, nel locale gestito dalla banda, che venivano smerciate dosi di cocaina o si prendevano accordi con i clienti per le cessioni. Dopo un anno e mezzo di indagini i carabinieri dell'aliquota radiomobile dei carabinieri di Castelfranco ha sgominato un'organizzazione composta da almeno otto persone.
In quattro sono ora agli arresti domiciliari su ordinanza del gip del tribunale di Treviso. L.C., 40enne, siciliano ma residente a Riese Pio X da almeno dieci anni, era il vertice della banda: era lui a gestire, di fatto sia lo spaccio che il locale di San Vito, formalmente di proprietà di un cittadino romeno estraneo ai fatti.
Arrestati anche un 33enne, A.N., e un 30enne, F.A., entrambi siciliani e anche loro residenti a Riese, entrambi di professione ferraioli per alcune aziende edili della Castellana. Arresti domiciliari infine anche per un romeno di 30 anni, I.I., residente ad Asolo: nel locale lavorava come barista e smerciava polvere bianca sotto la supervisione del capo. Per altre quattro persone il gip ha ordinato l'obbligo di presentazione presso la polizia giudiziaria.
Ad essere colpiti dal provvedimento un 30enne siciliano, A.A., e un 25enne, l'unico trevigiano del gruppo, entrambi di Loria e sempre ferraioli di professione come un 47enne marocchino ed un siciliano di 28 anni che al momento risultano però irreperibili. Il blita dei carabinieri è scattato stamane all'alba ed ha coinvolto una quarantina di militari che hanno agito con l'ausilio dei cani antidroga di Torreglia e di alcuni elicotteri che hanno sorvolato le abitazioni che sono state sottoposte a perquisizione.
Sequestrate complessivamente una ventina di dosi di cocaina e 6mila euro in contanti. Nell'indagine sono stati coinvolti e segnalati alla Prefettura come assuntori di droga ben 38 clienti che si rifornivano dai pusher. Documentate dagli investigatori almeno 700 cessioni. Nel corso delle intercettazioni telefoniche è emerso che le dosi di droga venivano chiamate dagli indagati con il nomignolo di "matassine", si tratta appunto delle reti metalliche usate in edilizia per armature in cemento.
Ai nostri microfoni interviene il comandante dei carabinieri di Castelfranco, Alessandro Albiero.