Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO Le parole della portavoce del centro sociale, Gaia Righetto

I RAGAZZI DEL "DJANGO" IN VIAGGIO VERSO IDOMENI

In un furgone abiti, cibo, medicinali destinati ai migranti


TREVISO - A Idomeni, uno sperduto villaggio al confine tra Grecia e Macedonia, sono 12mila i migranti, uomini, donne e bambini, bloccati alla frontiera: sono in condizioni igienico sanitarie spaventose, con poco cibo, acqua. Mancano anche le cose più essenziali. E' qui, in questa sperduta località dei Balcani, che tra qualche giorno giungerà un furgone di aiuti organizzato dal centro sociale Django di Treviso. Sono sei i ragazzi che partiranno questa notte per questo lungo e avventuroso viaggio che da Treviso proseguirà fino ad Ancona per poi, via traghetto, raggiungere i Balcani.
Nel mezzo che i giovani del “Django” hanno noleggiato sono presenti vestiti di vario tipo, scarbe, giacche abiti ma anche medicinali, generi alimentari, pannolini, assorbenti, tende e perfino giocattoli per i bambini. Si tratta di materiale raccolto grazie alla generosità di molti trevigiani.

Ai nostri microfoni queste le parole della portavoce del centro sociale “Django”, Gaia Righetto.