Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La sfida nasce nella cultura contadina a metÓ Ottocento

A PASQUA SI RINNOVA LA TRADIZIONE DELLA RIGH╚A

Cinquemila uova giÓ pronte per sfidarsi su nove campi di gioco


VITTORIO VENETO – Cantieri aperti per le righèe e già oltre 5 mila uova sono pronte. I volontari della Comunità Ludica della Righèa sono al lavoro per preparare i campi da gioco che dal giorno di Pasqua, domenica 27 marzo, e fino al 3 aprile ospiteranno le sfide a suon di uova sode dipinte fatte rotolare nel catino di argilla, terra e sassi, costruito con dovizia di particolari tecnici dai maestri della righèa. E’ il gioco della tradizione pasquale che fonda le sue radici nella cultura contadina di metà Ottocento e che oggi unisce le generazioni.
Qualche campo è già pronto ed operativo: alla righèa realizzata al Campus Scolastico Santa Giovanna d’Arco di via del Fante, a Vittorio Veneto, si gioca già da qualche giorno. Alunni ed insegnanti hanno portato a scuola la tradizione pasquale, gioco che metteranno ora a disposizione di tutti. Al Parco San Valentino di Cozzuolo righèa pure costruita ed ora è in corso la decorazione del campo. Nelle prossime ore partiranno i lavori per realizzare la rigolana (così viene chiamato il gioco nel coneglianese) che dominerà la centralissima piazza Cima a Conegliano, mentre sabato pomeriggio come tradizione i volontari realizzeranno la righèa di Borgo San Pierin a Scomigo.
Si gioca a Vittorio Veneto nel quartiere di Ceneda al Bar Duomo (in piazza Giovanni Paolo I), a Casa Baccichetti (in via Enrico Toti) e alla scuola Santa Giovanna d’Arco (in via del Fante); a Cozzuolo presso la righèa allestita all’interno del Parco San Valentino (in via Grazioli); a San Giacomo di Veglia nella corte del Borgo Al Ponte e a Carpesica nella suggestiva cornice di Borgo Pretura. Rigolana a Conegliano nella centralissima Piazza Cima, ai piedi del municipio, e nella frazione di Scomigo, precisamente a Borgo San Pierin. Infine a San Vendemiano si gioca in località Cosniga.
La tradizione vuole che nel giorno di Pasquetta, Lunedì dell’Angelo, i sindaci dei comuni che ospitano l’Andar per borghi a visitar righèe si sfidino sul campo da gioco della righèa. Quest’anno sarà la righèa di Piazza Cima, curata dall’associazione Dama Castellana, ad ospitare lunedì 28 marzo alle 15 il match a suon di uova sode tra sindaci.
L'associazione Insieme per Ceneda ha fatto rinascere, a partire dagli anni Novanta, la tradizione della righèa. Ora la porta avanti grazie ai volontari che costruiscono le righèe, accolgono i visitatori e conservano il rituale: sono la Comunità Ludica della Righèa. Oltre ad Insieme per Ceneda ne fanno parte: associazione San Valentino, associazione Sant'Elena, Giovani San Vendemiano, Borgo al Ponte, Famiglie di Borgo Pretura, Casa Baccichetti, Dama Castellana, Bar Duomo a Ceneda e Campus Scolastico Santa Giovanna d’Arco.
L’Andar per borghi a visitar righèe rientra tra gli eventi ufficiali del Conegliano Valdobbiadene – Regione del Prosecco Superiore docg eletto Città Europea del Vino 2016.
Nell’Alta Marca Trevigiana dalla domenica di Pasqua fino a quella successiva, con clou nel giorno di Pasquetta, tutti giocano a righèa o rigolana come viene chiamata nel Coneglianese. Bambini e nonni, famiglie e giovani si ritrovano nei campi da gioco per cimentarsi in un gioco semplice, genuino e che unisce tutti. Ciascun giocatore è munito di uova sode dipinte, così da personalizzarle, che a turno vengono fatte rotolare nella righèa. Lo scopo è colpire le uova avversarie, ammaccandole senza però danneggiare la propria, o far raggiungere al proprio uovo la monetina che si trova nel campo, che così viene vinta. La righèa viene costruita con sassi, sabbia, creta e terra ed è un’arte che viene pure tramandata. Le regole di gioco sono semplici e per chi non le conosce ci sarà modo di trovare, presso ciascun campo da gioco, dei volontari disposti ad insegnare il gioco. Come tutti i giochi c’è anche un arbitro, il ranzinier, che con un apposito bastone (ranzìn) recupera le uova dalla righèa.