Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Gru speciali e 120 addetti per montare i mille moduli in vetro curvo

PERMASTEELISA CREA LA "PELLE" DELL'ASTRONAVE APPLE

Il gruppo trevigiano firma le facciate della nuova sede da 5 miliardi di dollari


VITTORIO VENETO - La conclusione dei lavori è prevista entro la fine di quest'anno e quando l'"astronave" di Cupertino, ossia il nuovo quartier generale di Apple, sarà finito avrà molto di veneto. È infatti la Permasteelisa, società di Vittorio Veneto specializzata nei rivestimenti architettonici in vetro, ad aver avuto l'incarico di rivestire le facciate esterne e gran parte della copertura orizzontale dell'anello che ospiterà il mondo del colosso americano.
L'astronave del marchio della 'mela morsicata' ha una circonferenza di circa 1,6 chilometri. Da qualche giorno, l'ultimo degli oltre mille moduli in vetro curvo, ciascuno dei quali diverso dall'altro (lunghi mediamente più di 15 metri), è arrivato via nave nel cantiere. Il montaggio è affidato a 120 addetti del gruppo, provenienti sia da Treviso sia dalle controllate tedesca e americana. Per collocare gli elementi al loro posto sono anche state realizzate macchine dedicate per quello che, nel portafoglio di Permasteelisa, dal 2011 di proprietà dei giapponesi di Lixil (JS Group), rappresenta «di gran lunga il progetto maggiore mai gestito". A ricordarlo è il nuovo amministratore delegato, Riccardo Mollo, che ripercorre l'elenco delle principali opere realizzate o in fase di esecuzione in Italia e all'estero. In via di conclusione o consegnati da poco vi sono, ad esempio, gli involucri esterni dell'ambasciata americana a Londra, città in cui gli edifici firmati Permasteelisa sono ormai 210, e sempre nella capitale inglese la sede di Bloomberg. A New York i palazzi rivestiti dalla sigla veneta sono già 170, in corso d'opera ci sono la Beekman Tower, la Central Park Tower, il podio di Torre 1 e la Torre 3 del World Trade Center. Per l'Italia possono essere citati gli involucri esterni del grattacielo di Intesa SanPaolo, a Torino, e la Torre Unicredit, a Milano, mentre a Hong Kong quelli di International Commerce Centre e a Doha la «pelle» dell'Hamad International Airport, ritenuto lo scalo più lussuoso al mondo.
Permasteelisa è passata da un fatturato di 1036 milioni di euro del 2010 ai 1409 del 2014, mentre per il bilancio d'esercizio 2015 occorrerà attendere ancora qualche giorno.