Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mercoledì 30 ultimo incontro della rassegna "L'arte è contemporanea?"

ARTE E VERITÀ: LA PAROLA AI FILOSOFI

Schopenhauer e Heidegger spiegati da Michele Falaschi


TREVISO - La rassegna filosofica “L’arte è contemporanea?”, organizzata da Pensare il presente, Società Filosofica Trevigiana e associazione culturale Imagonirmia di Elena Mantoni, si conclude mercoledì 30 marzo, ore 18:30, presso l’aula magna del Liceo Artistico di Treviso, con un ultimo appuntamento dal titolo “Arte e Verità”, dedicato a due importanti filosofi: Schopenhauer e Heidegger.
Arte, dunque come “specchio della realtà”? O mera forma di illusione? Espressione della nostra interiorità o dello spirito del nostro tempo? Arte come strumento per conoscere l’autentico e genuino aspetto del mondo? Questi alcuni dei quesiti che stimoleranno la riflessione condotta dal docente Michele Falaschi, cui proverà a rispondere attraverso alcune letture di Schopenhauer e Heidegger, due dei massimi filosofi contemporanei dell’arte.