Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittorio Veneto, "Comportamento discriminatorio e ingiusto"

PROFUGHI A SAN GIACOMO? LA PREFETTURA SE LO SCORDI

Duro attacco del sindaco Tonon: "Faremo resistenza"


VITTORIO VENETO - “L'Amministrazione comunale di Vittorio Veneto ha tenuto, di fronte al drammatico impatto determinato dalle migrazioni dai Paesi del Vicino Oriente e dell'Africa Settentrionale flagellati dalle guerre civili, una condotta di grande responsabilità, sia nei confronti dei suoi cittadini, sia nei confronti delle istituzioni di governo, sia nei confronti dei profughi”. Così il sindaco di Vittorio Veneto, Roberto Tonon, è intervenuto sulle recenti polemiche riguardanti l'ulteriore arrivo di nuovi migranti nel territorio vittoriese.
“Vittorio Veneto -ha riferito il primo cittadino- non si è affatto sottratta alle sollecitazioni della Prefettura e del Ministero degli Interni, collaborando in modo attivo alla sistemazione nel proprio territorio di quasi 200 sventurati: un numero elevato in sé, e largamente superiore a quello fatto registrare in altri comuni trevigiani che hanno preferito in modo tanto più gridato e demagogico quanto più miope e pericoloso chiudere gli occhi dinnanzi a un'emergenza di dimensioni storiche.
Ma proprio le condotte sin qui tenute ci autorizzano a scandire con nettezza che Vittorio Veneto -ha ribadito Tonon- non accetterà più invii massivi di migranti sul suo territorio. E se la Prefettura pensasse, scambiando la nostra correttezza per acquiescenza, all'aerocampo di San Giacomo e alle altre strutture militari dismesse presenti nel territorio comunale come a contenitori concentrati di molte decine di profughi, ebbene: che se lo scordi. Guiderei io stesso, con tutta la mia Giunta e tutta la mia maggioranza, insieme con tutta la comunità vittoriese, una resistenza dura e inflessibile contro quello che sarebbe a tutti gli effetti un comportamento discriminatorio e sommamente ingiusto”.