Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittorio Veneto, "Comportamento discriminatorio e ingiusto"

PROFUGHI A SAN GIACOMO? LA PREFETTURA SE LO SCORDI

Duro attacco del sindaco Tonon: "Faremo resistenza"


VITTORIO VENETO - “L'Amministrazione comunale di Vittorio Veneto ha tenuto, di fronte al drammatico impatto determinato dalle migrazioni dai Paesi del Vicino Oriente e dell'Africa Settentrionale flagellati dalle guerre civili, una condotta di grande responsabilità, sia nei confronti dei suoi cittadini, sia nei confronti delle istituzioni di governo, sia nei confronti dei profughi”. Così il sindaco di Vittorio Veneto, Roberto Tonon, è intervenuto sulle recenti polemiche riguardanti l'ulteriore arrivo di nuovi migranti nel territorio vittoriese.
“Vittorio Veneto -ha riferito il primo cittadino- non si è affatto sottratta alle sollecitazioni della Prefettura e del Ministero degli Interni, collaborando in modo attivo alla sistemazione nel proprio territorio di quasi 200 sventurati: un numero elevato in sé, e largamente superiore a quello fatto registrare in altri comuni trevigiani che hanno preferito in modo tanto più gridato e demagogico quanto più miope e pericoloso chiudere gli occhi dinnanzi a un'emergenza di dimensioni storiche.
Ma proprio le condotte sin qui tenute ci autorizzano a scandire con nettezza che Vittorio Veneto -ha ribadito Tonon- non accetterà più invii massivi di migranti sul suo territorio. E se la Prefettura pensasse, scambiando la nostra correttezza per acquiescenza, all'aerocampo di San Giacomo e alle altre strutture militari dismesse presenti nel territorio comunale come a contenitori concentrati di molte decine di profughi, ebbene: che se lo scordi. Guiderei io stesso, con tutta la mia Giunta e tutta la mia maggioranza, insieme con tutta la comunità vittoriese, una resistenza dura e inflessibile contro quello che sarebbe a tutti gli effetti un comportamento discriminatorio e sommamente ingiusto”.