Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oderzo, il Pd: "Chiediamo maggiore chiarezza sul numero di arrivi"

ALLA CASERMA ZANUSSO ARRIVANO DUE CONTAINER

Posizionati in mattinata per l'imminente arrivo dei profughi


ODERZO - In mattinata all'interno dell'area della ex caserma "Zanusso" di Oderzo sono stati trasportati e posizionati due container, in vista del sempre più imminente arrivo in città di migranti. “Quello che attendavamo da mesi, e che l’attuale amministrazione ha sempre cercato di nascondere ai cittadini di Oderzo, è accaduto: i primi container sono stati posizionati all’interno della caserma. Nel pieno rispetto delle decisioni del Prefetto Laura Lega chiediamo trasparenza e chiarezza sul numero di arrivi e sulla gestione della sicurezza, delle strutture e dei controlli”: così prende posizione il Partito Democratico di Oderzo sul tema dell’arrivo dei profughi all’ex caserma Zanusso ed, in particolare, con l’installazione dei primi container.
“Il balletto sulle cifre ed il black out di informazioni rischiano di mettere in fibrillazione una comunità già preoccupata. Gli opitergini hanno il diritto di sapere ed, in particolare, di sentirsi garantiti su aspetti fondamenti come orari, controlli per sapere cosa succederà nel territorio in cui vivono. Questo crediamo sia l’aspetto nevralgico consapevoli che le decisioni spettano al Prefetto e che, quindi, risulta inutile urlare o criticare senza concentrarci sulle esigenza degli abitanti di Oderzo. Questo soprattutto dopo che da parte di chi governa la città e l’ha governata negli ultimi dieci anni c’è stato un silenzio assordante confermato dai numeri: 22 lettere del Prefetto a cui sono seguite solo nove risposte negando costantemente la possibilità di ospitarne alcuni, un’opzione che ci avrebbe evitato la situazione di oggi. Una vicenda iniziata ben oltre 720 giorni fa con la prima lettera arriva nel febbraio del 2014”.