Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oderzo, il Pd: "Chiediamo maggiore chiarezza sul numero di arrivi"

ALLA CASERMA ZANUSSO ARRIVANO DUE CONTAINER

Posizionati in mattinata per l'imminente arrivo dei profughi


ODERZO - In mattinata all'interno dell'area della ex caserma "Zanusso" di Oderzo sono stati trasportati e posizionati due container, in vista del sempre più imminente arrivo in città di migranti. “Quello che attendavamo da mesi, e che l’attuale amministrazione ha sempre cercato di nascondere ai cittadini di Oderzo, è accaduto: i primi container sono stati posizionati all’interno della caserma. Nel pieno rispetto delle decisioni del Prefetto Laura Lega chiediamo trasparenza e chiarezza sul numero di arrivi e sulla gestione della sicurezza, delle strutture e dei controlli”: così prende posizione il Partito Democratico di Oderzo sul tema dell’arrivo dei profughi all’ex caserma Zanusso ed, in particolare, con l’installazione dei primi container.
“Il balletto sulle cifre ed il black out di informazioni rischiano di mettere in fibrillazione una comunità già preoccupata. Gli opitergini hanno il diritto di sapere ed, in particolare, di sentirsi garantiti su aspetti fondamenti come orari, controlli per sapere cosa succederà nel territorio in cui vivono. Questo crediamo sia l’aspetto nevralgico consapevoli che le decisioni spettano al Prefetto e che, quindi, risulta inutile urlare o criticare senza concentrarci sulle esigenza degli abitanti di Oderzo. Questo soprattutto dopo che da parte di chi governa la città e l’ha governata negli ultimi dieci anni c’è stato un silenzio assordante confermato dai numeri: 22 lettere del Prefetto a cui sono seguite solo nove risposte negando costantemente la possibilità di ospitarne alcuni, un’opzione che ci avrebbe evitato la situazione di oggi. Una vicenda iniziata ben oltre 720 giorni fa con la prima lettera arriva nel febbraio del 2014”.