Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 52enne ex benzinaio era accusato di oltraggio a pubblico ufficiale

SCONTRI CON LA POLIZIA: ALTRI SEI MESI INFLITTI A BORSOI

La protesta contro il caro carburante in municipio a San Vendemiano



SAN VENDEMIANO
– Altri sei mesi di reclusione inflitti a Giancarlo Borsoi, 52enne ex benzinaio di San Vendemiano. Dopo la condanna a 9 mesi e al pagamento di 1.500 euro di provvisionale alle quattro parti civili costituite, per un totale di 6 mila euro di risarcimento, l'ex benzinaio era chiamato a rispondere del reato di oltraggio a pubblico ufficiale per gli stessi fatti che gli erano costati la prima condanna. L'episodio finito nel mirino della Procura di Treviso risale al 21 giugno 2013 quando, nel municipio di San Vendemiano, quella che doveva essere una protesta pacifica si sarebbe trasformata in una sorta di rissa. Giancarlo Borsoi, dopo essersi incatenato alla ormai ex pompa di benzina Erg di viale 4 novembre, aveva spostato la propria protesta contro il caro-carburante nella sala d'attesa del Comune. Anche in quell'occasione si era incatenato dichiarandosi "prigioniero politico" e chiedendo "la cittadinanza veneta". Sul posto erano presenti, per controllare la situazione, gli agenti della polizia locale e del Commissariato di Conegliano. Il clima si era poi fatto incandescente quando presso il municipio arrivò anche il fratello di Giancarlo, Mario Borsoi (che ha già patteggiato 6 mesi). Ignoti i motivi che portarono allo scontro, ma fatto sta che al termine dei tafferugli quattro agenti rimasero feriti e i fratelli Borsoi vennero arrestati.