Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Al via i corsi per formare gli addetti delle autofficine

IL KIT PER TRASFORMARE L'AUTO IN ELETTRICA ╚ REALT└

Progetto messo a punto da Confartigianato della Marca e di Vicenza


TREVISO - Trasformare un'auto a benzina o diesel in una nuova auto elettrica. Ora è possibile, grazie ad un apposito kit messo a punto grazie al progetto "Reborn" promosso da Confartigianato Marca Trevigiana e dall'associazione consorella di Vicenza.
I due anni di lavoro sono serviti anche per predisporre un'adeguata normativa in materia: un recente decreto legislativo ora permetterà di certificare tutte le vetture "trasformate" grazie al kit, superando la necessità attuale di omologare ogni singolo mezzo modificato.
Il cliente potrà dunque recarsi in un'autofficina autorizzata e chiedere di effettuare l'installazione sulla propria auto, in modo analogo a quanto già avviene per gli impianti a gpl o a metano. In questo caso, però, anzichè aggiungere ulteriori pezzi, il motore a combusione termica viene completamente rimosso e al suo posto viene montato un propulsore elettrico con le relative batterie. Il costo dell'operazione dovrebbe aggirarsi sui 6mila euro, ai quali va aggiunta la spesa per le batterie: altri 6mila euro per l'acquisto, che però scendono a 90-100 euro al mese per il noleggio, formula perlatro già molto utilizzata dai principali costruttori dei auto elettriche. Di contro questo tipo di veicoli consentono un notevole risparmio per i costi di rifornimento rispetto al normale carburante: da uno a due euro per 100 chilometri, con ulteriore riduzione se la ricarica viene effettuata tramite accumulatori collegati ad un impianto fotovoltaico. Ma il bacino dei veicoli trasformabili comprende non solo vetture private, ma anche autobus e mezzi agricoli.
Confartigianato ha creato un prototipo, trasformando una Fiat Punto. Ora si attende l'industrializzazione del kit da parte di alcune ditte del settore. Intanto è al via un corso di formazione professionale per preparare gli autoriparitori: già una quindicina le autofficine aderenti, su un platea complessica di quasi 800 aziende presenti in provincia. Come sottolinea il presidente di Confartigianato Marca Trevigiana, Renzo Sartori: "Gli artigiani si dimostrano ancora una volta aperti all'innovazione e alle tecnologie. Questo progetto può anche contribuire a rilanciare l'occupazione del settore, creando delle nuove figure professionali".