Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/166: I GIORNALISTI GOLFISTI SI SFIDANO IN EMILIA

Il Challenge Aigg fa tappa al club Le Fonti e Bologna


BOLOGNA - Siamo in Emilia, per la terza e quarta tappa del Challenge Aigg Diavolina, e la prima giornata è al Club “Le Fonti”. Ci affacciamo ai piedi dell’appennino tosco emiliano in comune di Castel San Pietro Terme, appena un po’ a est di Bologna sulla storica Via...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era accusato di molestie aggravate dalla posizione datoriale

MESSAGGI "ESPLICITI" A UNA DOCENTE: PRESIDE ASSOLTO

La vittima, costituitasi parte civile, chiedeva i danni



TREVISO
– Non c'è stata alcuna molestia. Né tanto meno aggravata dalla posizione datoriale. La sentenza pronunciata dal tribunale di Treviso non lascia spazio a dubbi: la condotta contestata a un dirigente scolastico di un istituto superiore di Treviso non ha alcuna rilevanza penale. Quelli che potevano sembrare dei messaggi e delle mail di apprezzamento nei confronti di una docente non si sarebbero tramutati in molestie alle quali sarebbe poi seguito un diverso trattamento a livello lavorativo. A trascinare il dirigente scolastico in aula era stata proprio l'insegnante che aveva ritenuto offensivo l'invio di sms, mail e messaggi su Facebook da parte del suo diretto superiore. Messaggi che col tempo si sono diradati. A febbraio 2013 però la situazione è cambiata, quando cioè è stata sporta la denuncia querela da parte della vittima che ha sostenuto di essere stata in seguito esclusa dagli incarichi che il dirigente scolastico assegna annualmente ai docenti.