Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era accusato di molestie aggravate dalla posizione datoriale

MESSAGGI "ESPLICITI" A UNA DOCENTE: PRESIDE ASSOLTO

La vittima, costituitasi parte civile, chiedeva i danni



TREVISO
– Non c'è stata alcuna molestia. Né tanto meno aggravata dalla posizione datoriale. La sentenza pronunciata dal tribunale di Treviso non lascia spazio a dubbi: la condotta contestata a un dirigente scolastico di un istituto superiore di Treviso non ha alcuna rilevanza penale. Quelli che potevano sembrare dei messaggi e delle mail di apprezzamento nei confronti di una docente non si sarebbero tramutati in molestie alle quali sarebbe poi seguito un diverso trattamento a livello lavorativo. A trascinare il dirigente scolastico in aula era stata proprio l'insegnante che aveva ritenuto offensivo l'invio di sms, mail e messaggi su Facebook da parte del suo diretto superiore. Messaggi che col tempo si sono diradati. A febbraio 2013 però la situazione è cambiata, quando cioè è stata sporta la denuncia querela da parte della vittima che ha sostenuto di essere stata in seguito esclusa dagli incarichi che il dirigente scolastico assegna annualmente ai docenti.