Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Era accusato di molestie aggravate dalla posizione datoriale

MESSAGGI "ESPLICITI" A UNA DOCENTE: PRESIDE ASSOLTO

La vittima, costituitasi parte civile, chiedeva i danni



TREVISO
– Non c'è stata alcuna molestia. Né tanto meno aggravata dalla posizione datoriale. La sentenza pronunciata dal tribunale di Treviso non lascia spazio a dubbi: la condotta contestata a un dirigente scolastico di un istituto superiore di Treviso non ha alcuna rilevanza penale. Quelli che potevano sembrare dei messaggi e delle mail di apprezzamento nei confronti di una docente non si sarebbero tramutati in molestie alle quali sarebbe poi seguito un diverso trattamento a livello lavorativo. A trascinare il dirigente scolastico in aula era stata proprio l'insegnante che aveva ritenuto offensivo l'invio di sms, mail e messaggi su Facebook da parte del suo diretto superiore. Messaggi che col tempo si sono diradati. A febbraio 2013 però la situazione è cambiata, quando cioè è stata sporta la denuncia querela da parte della vittima che ha sostenuto di essere stata in seguito esclusa dagli incarichi che il dirigente scolastico assegna annualmente ai docenti.