Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Imprenditore opitergino verrà giudicato con rito abbreviato

IVA NON VERSATA PER 900 MILA EURO: A PROCESSO

La difesa: "Ha pagato i dipendenti, non poteva più versare altro"


FONTANELLE - E' accusato di avere un debito con l'erario di 911 mila euro tra Iva non versata e non incassata. E' la contestazione che ha fatto finire davanti al giudice un imprenditore 68enne che all'epoca dei fatti era amministratore delegato della Mobil Record, la storica azienda del settore legno arredo con sede a Fontanelle, dichiarata fallita nel dicembre del 2014. L'uomo, difeso dall'avvocato Piero Barolo, ha scelto di essere giudicato con rito abbreviato, che prevede lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna. La sentenza verrà pronunciata il prossimo 7 ottobre. La difesa è però convinta di poter dimostrare la non colpevolezza dell'ex ad della Mobil Record. “Il mio assistito – ha dichiarato l'avvocato Barolo – non ha potuto pagare l'Iva a causa della crisi economica, del calo del fatturato e della revoca degli affidamenti da parte delle banche. Una crisi di liquidità che non è dunque legata a delle colpe dell'imprenditore il quale si è trovato nell'impossibilità di versare l'Iva. Anche perchè ha comunque garantito il pagamento dello stipendio ai suoi dipendenti”. L'ipotesi dell'assoluzione non è infatti remota, anzi. Sono già molte le sentenze pronunciate da diversi tribunali in questo senso, dando ragione agli imprenditori che per cause non dipendenti dalla lor volontà si erano trovato in situazioni simili.