Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Imprenditore opitergino verrà giudicato con rito abbreviato

IVA NON VERSATA PER 900 MILA EURO: A PROCESSO

La difesa: "Ha pagato i dipendenti, non poteva più versare altro"


FONTANELLE - E' accusato di avere un debito con l'erario di 911 mila euro tra Iva non versata e non incassata. E' la contestazione che ha fatto finire davanti al giudice un imprenditore 68enne che all'epoca dei fatti era amministratore delegato della Mobil Record, la storica azienda del settore legno arredo con sede a Fontanelle, dichiarata fallita nel dicembre del 2014. L'uomo, difeso dall'avvocato Piero Barolo, ha scelto di essere giudicato con rito abbreviato, che prevede lo sconto di un terzo della pena in caso di condanna. La sentenza verrà pronunciata il prossimo 7 ottobre. La difesa è però convinta di poter dimostrare la non colpevolezza dell'ex ad della Mobil Record. “Il mio assistito – ha dichiarato l'avvocato Barolo – non ha potuto pagare l'Iva a causa della crisi economica, del calo del fatturato e della revoca degli affidamenti da parte delle banche. Una crisi di liquidità che non è dunque legata a delle colpe dell'imprenditore il quale si è trovato nell'impossibilità di versare l'Iva. Anche perchè ha comunque garantito il pagamento dello stipendio ai suoi dipendenti”. L'ipotesi dell'assoluzione non è infatti remota, anzi. Sono già molte le sentenze pronunciate da diversi tribunali in questo senso, dando ragione agli imprenditori che per cause non dipendenti dalla lor volontà si erano trovato in situazioni simili.