Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Boom di ingressi nei servizi, ancora in rosso legno-arredo e moda

PIŁ ASSUNZIONI NEL 2015: "SOLO PER GLI INCENTIVI"

Per la Cgil, mercato del lavoro "drogato" dagli sgravi


TREVISO - Per la prima volta dal 2008 la Marca torna a creare nuovi posti di lavoro: nel 2015 il saldo tra assunzioni e licenziamenti in provincia è attivo per 6.700 unità. E' ancora lontano, tuttavia, il recupero dei quasi 18mila addetti persi dall'inizio della crisi. Tanto più che nei primi mesi del 2016 le assunzioni sono tornate a rallentare. Per questo la Cgil di Treviso mette in guardia dal rischio che il risveglio registrato lo scorso anno sia “drogato” dagli incentivi varati dal governo e già ridotti.
"Quando si creano posti di lavoro è sempre positivo - conferma il segretario provinciale Giacomo Vendrame -. Il motivo reale di questa creazione, però, sta negli incentivi alle assunzioni, un provvedimento limitato nel tempo. La nostra preoccupazione è come consolidare questo aumento, dandogli continuità nel tempo. Ci sono due strumenti per farlo: una vera politica industriale e la modifica della riforma Fornero sulla previdenza, per permettere ai lavoratori più anziani di andare in pensione e aprire posti di lavoro per tutti gli altri". Per sostenere questa seconda misura, Cgil, Cisl e Uil hanno indetto per sabato una mobilitazione nazionale. Delegati, operartori ed iscritti trevigiani prenderanno parte alla manifestazione regionale, in programma a Venezia in mattinata e conclusa dal comizio di Susanna Camusso, segretaria nazionale della Cgil, in campo Santa Margherita.
A trainare in positivo il bilancio tra ingressi ed uscite dal mercato del lavoro sono soprattutto i servizi, in attivo per quasi 4.600 posizioni. La conferma di un sempre più marcato spostamento dell'economia provinciale verso il terziario, con anche un travaso di occupazione. Rimangono, invece, ancora due malati: il legno-arredo in cui continua l'emorraggia con altri 320 contratti cessati e non sostituiti (dal 2008 sono stati 7.750 i posti persi in questo comparto) e il tessile-abbigliamento-calzaure, in rosso per 285 posizioni.
Quanto ai titoli di studio, tra i diplomati e i laureati i neo assunti superano chi ha perso il lavoro per oltre 12mila unità. “Un dato positivo – commenta Vendrame – perchè significa che finalmente si torna ad assumere giovani”.