Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I malviventi hanno forato un muro dalla vicina casa abbandonata

LADRI A TREVIGNANO: RAID ALLA TABACCHERIA BALZAN

In zona non sono telecamere: colpo da 10 mila euro



TREVIGNANO
– Raid dei ladri nella tabaccheria Balzan di Trevignano. Nella notte un gruppo di malviventi è entrato nell'esercizio commerciale attraverso un buco nel muro ricavato nella casa abbandonata che confina con la tabaccheria. Indisturbati, i ladri hanno fatto razzia di gratta e vinci, stecche di sigarette e denaro contenuto nella cassa. In tutto un colpo da circa 10 mila euro. Ad accorgersi della spaccata sono stati i titolari del locale. Subito sono stati avvertiti i carabinieri i quali hanno effettuato il sopralluogo. Pare che i malviventi non abbiano lasciato tracce, se non quelle del loro passaggio. L'indagine sembra comunque difficile: in zona infatti non sono installate telecamere di videosorveglianza per cui gli inquirenti, al momento, hanno pochi elementi su cui lavorare per poter dare un nome e un volto ai componenti della banda.