Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oggi la città ha ricordato il bombardamento del 1944

"PER LE CERIMONIE DEL PROSSIMO 7 APRILE STOP AI BAR"

Il sindaco chiederà una sospensione agli esercizi in piazza


TREVISO - I rintocchi della campana della Torre Civica, alle 13.05 quando suonarono i primi allarmi, hanno scandito, come tradizione, il ricordo del bombardamento del 7 aprile 1944. Quel giorno, venerdì santo - "Passione di Cristo e di Treviso" scrissero le cronache -, 159 bombardieri B-17, le famose "Fortezze volanti", scortati da 31 caccia P-38, dell'aviazione statunitense, sganciarono sulla città oltre 2.600 bombe, 405 tonnellate di esplosivo. Le conseguenze furono circa 1.600 morti, più un numero imprecisato di militari tedeschi, e danni ingentissimi a monumenti, abitazioni, edifici.
Le celebrazioni del 72esimo anniversario hanno seguito il consueto copione, con la deposizione di una corona sotto alla lapide sul fianco di Palazzo dei Trecento (sventrato dalle bombe) e poi, in piazza, la cerimonia con brani musicali suonati e cantati dagli studenti delle scuole medie Stefanini e alcune poesie e testi letterati letti da Marco Ervas. Ad assistere, gran parte della giunta, diversi cosiglieri comunali, il prefetto Laura Lega e varie altre autorità, i rappresentati della associazioni d'arma e dei partigiani, oltre a numerosi cittadini, compresi chi in quel giorno era presente.
Il sindaco, a margine della cerimonia è intervenuto anche sulla questione relativa al servizio dei locali in Piazza dei Signori: "Abbiamo già previsto di fissare un appuntamento con le attività commerciali che si trovano in piazza affinché il prossimo anno venga previsto un regolamento per cui, anche nella concessione del plateattico, per questo giorno si tenga conto della sospensione delle attività per il tempo della celebrazione - ha dichiarato Manildo - E' necessario che venga garantito da parte di tutti il giusto atteggiamento. E' stata una bella celebrazione e credo che tutta la città debba viverla allo stesso modo".