Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/175: PARLA INGLESE L'OPEN DE FRANCE

Tommy Fleetwood vince l'evento Rolex Series di Parigi


PARIGI - È partito il giorno 29 giugno a Guyancourt, al golf National nei pressi di Parigi, il maggior incontro della stagione golfistica 2017, l’evento Rolex Series del Tour europeo “Race to Dubai”, l’HNA Open de France. È una tappa importante del circuito...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

"Le piattaforme inquinano e non creano occupazione, pagando pochissime imposte"

"BASTA BENEFICI PER POCHI E DANNI PER TUTTI GLI ALTRI"

Referendum sulle trivellazioni: il parere del senatore Gianni Girotto


TREVISO - “Basta benefici per poche grandi multinazionali e danni per tutti gli altri”. E' questo il messggio da lanciare tramite il referendum del prossimo 17 aprile sulle trivellazioni, secondo Gianni Girotto, senatore trevigiano del Movimento 5 Stelle.
Votando sì verrà abolita la norma che consente alle piattaforme di proseguire l'estrazione oltre alla scadenza delle concessioni in essere: spesso un escamotage, spiega Girotto, per rinviare lo smantellamento degli impianti e i relativi costi. Ma la consultazione, ribaidsce l'esponente pentastellato, è anche, e soprattutto, l'occasione per ripensare il sistema dello sfruttamento dei giacimenti fossili in Italia. A partire dal fatto che le compagnie petrolifere possono benficiae di royalties tra le più basse al mondo e di ampie franchigie. La conseguenza? Nel 2015, il paese ha incassato solo 340 milioni di euro per l'utilizzo di queste risorse pubbliche. L'attività etrattiva comporta un psesante impatto sull'ambiente, ribadisce Girotto citando i dati del ministero dell'Ambiente. Non vale nemmneno l'argomento portato dai sostenitori delle trivellazioni, secondo cui il settore può creare occupazione. Grazie all'alto livello di automazione, però, replica il senatore, la creazione di nuovi posti di lavoro sarebbe molto limitata. L?Arabia Saudita, per fare un esempio, pur con un'attività enormemente più ampia di qualla italiana, impiega non più di 50mila addetti. Dunque, conclude Girotto, a fronte di lauti guadagni per pochi grandi gruppi della lobby delle energie fossili, la collettività riceve vantaggi molto risicati, dovendo farsi carico, anzi di cospicui costi.