Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Completato il restauro della sua tomba nel cimitero del paese

A 120 ANNI DALLA MORTE, PONTE DI PIAVE RICORDA CAROLINA GASPARINETTI

La benefattrice lasciò al comune terreni ed edifici


PONTE DI PIAVE - A quasi 120 anni dalla morte, Ponte di Piave ricorda Carolina Gasparinetti, una delle figure più importanti della storia e dello sviluppo del paese. In occasione di un duplice anniversario, la nascita nel giorno 11 aprile La tomba di Carolina Gasparinetti appena restaurata1859 e la morte il 27 aprile del 1897, è stata infatti ristrutturata la tomba della benefattrice il cui nome è legato all'"Opera Pia Gasparinetti", proprietaria di storici edifici nel cuore del paese.
Il recupero della tomba, nel cimitero del capoluogo, è stato possibile grazie all’intervento dell’agenzia di pompe funebri di Maurizio Dotta e al lavoro di un volontario del posto. Un impegno faticoso, dato che - fino ad oggi - il manufatto era stato completamente dimenticato e lasciato in stato di indecoroso abbandono e sporcizia.
"Per l’intera comunità di Ponte di Piave si tratta del doveroso ricordo di una donna generosa che, morta prematuramente, ha voluto lasciare i propri averi alla cittadinanza di cui faceva parte - ha commentato il sindaco Paola Roma -. Tributarle il giusto onore e ricordare la sua storia è il minimo che si possa fare, visto il patrimonio che ci ha lasciato, luoghi dove si sono formate migliaia di bambini della nostra comunità".
Carolina Gasparinetti, a cui è dedicata anche una strada in centro paese, donò alla cittadinanza di Ponte di Piave un cospicuo patrimonio di terreni ed edifici, compresa la scuola d’infanzia che sorge nella via a lei intitolata. Un lascito che è passato attraverso varie traversie legale, nonchè i danneggiamenti della prima guerra mondiale.
"Proprio per ricordare la benefattrice, ai bambini della scuola dell’infanzia verrà consegnato un documento che racconta Carolina Gasparinetti, la sua storia e la sua generosità in favore - come si legge nella targa posta sulla parete dell’asilo a inizio del secolo scorso - della 'educazione religiosa e civile dei figli del popolo'", ha concluso il sindaco.

L'asilo dedicato alla benefattrice ai primi del '900