Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Completato il restauro della sua tomba nel cimitero del paese

A 120 ANNI DALLA MORTE, PONTE DI PIAVE RICORDA CAROLINA GASPARINETTI

La benefattrice lasciò al comune terreni ed edifici


PONTE DI PIAVE - A quasi 120 anni dalla morte, Ponte di Piave ricorda Carolina Gasparinetti, una delle figure più importanti della storia e dello sviluppo del paese. In occasione di un duplice anniversario, la nascita nel giorno 11 aprile La tomba di Carolina Gasparinetti appena restaurata1859 e la morte il 27 aprile del 1897, è stata infatti ristrutturata la tomba della benefattrice il cui nome è legato all'"Opera Pia Gasparinetti", proprietaria di storici edifici nel cuore del paese.
Il recupero della tomba, nel cimitero del capoluogo, è stato possibile grazie all’intervento dell’agenzia di pompe funebri di Maurizio Dotta e al lavoro di un volontario del posto. Un impegno faticoso, dato che - fino ad oggi - il manufatto era stato completamente dimenticato e lasciato in stato di indecoroso abbandono e sporcizia.
"Per l’intera comunità di Ponte di Piave si tratta del doveroso ricordo di una donna generosa che, morta prematuramente, ha voluto lasciare i propri averi alla cittadinanza di cui faceva parte - ha commentato il sindaco Paola Roma -. Tributarle il giusto onore e ricordare la sua storia è il minimo che si possa fare, visto il patrimonio che ci ha lasciato, luoghi dove si sono formate migliaia di bambini della nostra comunità".
Carolina Gasparinetti, a cui è dedicata anche una strada in centro paese, donò alla cittadinanza di Ponte di Piave un cospicuo patrimonio di terreni ed edifici, compresa la scuola d’infanzia che sorge nella via a lei intitolata. Un lascito che è passato attraverso varie traversie legale, nonchè i danneggiamenti della prima guerra mondiale.
"Proprio per ricordare la benefattrice, ai bambini della scuola dell’infanzia verrà consegnato un documento che racconta Carolina Gasparinetti, la sua storia e la sua generosità in favore - come si legge nella targa posta sulla parete dell’asilo a inizio del secolo scorso - della 'educazione religiosa e civile dei figli del popolo'", ha concluso il sindaco.

L'asilo dedicato alla benefattrice ai primi del '900