Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, cantiere per 4-6 settimane, ambulatorio per i codici bianchi

DA LUNEDÌ, VIA AI LAVORI PER IL NUOVO PRONTO SOCCORSO

40 posti in più in sala d'attesa e spazi per l'osservazione


TREVISO - Da lunedì prossimo via al cantiere per la risistemazione del Pronto soccorso dell'ospedale di Treviso. L'intervento è volto ad ampliare la sala d'attesa, rendendo gli spazi più confortevoli: verranno aggiunti circa 40 posti a sedere rispetto all'attuale capienza. Per questo motivo verrà anche spostato il “triage”, il punto per la prima valutazione dei pazienti giunti all'emergenza del Ca' Foncello. Ma, in questo senso, verranno anche diversificati i percorsi in cui orientare gli utenti: vicino alla cosiddetta area rossa, verranno, in particolare, ricavati due ambulatori per l'Osservazione breve intensiva. Vi accederanno, ad esempio, le persone che lamentano dolori al petto e devono essere tenute sotto controllo per alcune ore per poter compiere una diagnosi accurata. In passato, a causa dell'affollamento, avevano dovuto sistemarsi nella stessa sala d'aspetto, ora beneficeranno di stanze riservate.
La ristrutturazione, tuttavia, porrà anche le basi per la creazione del cosiddetto “ambulatorio per i codici bianchi”, ovvero i pazienti meno gravi. Con l'obiettivo di sgravare la struttura di emergenza vera e propria e ridurre i tempi di attesa sotto le quattro, verrà creata una sorta di ulteriore “guardia medica”, attiva nei giorni feriali e in orario diurno. Per gestirla serve una decina di medici: per cinque l'Ulss sta avviando assunzioni dirette, per i restanti si ricorrerà, almeno nelle fase sperimentale, a professionisti già impegnati nella guardia medica, dottori di famiglia con meno di 750 assistiti o, eventualmente, anche a specializzandi. A questo scopo è stato trovato l'accordo con il sindacato di categoria Snami, mentre, per ora, rimane ancora contraria la Fimmg.
I lavori, prevede Domenico Scibetta, direttore sanitario dell'Ulss 9, dureranno dalle quattro alle sei settimane: in questo periodo il Pronto soccorso naturalmente continuerà a funzionare e, dunque, il cantiere dovrà procedere a stralci. Personale sanitario, pazienti ed operai dovranno convivere: “Questo creerà qualche inevitabile disagio, di cui ci scusiamo fin d'ora - spiega il direttore generale dell'Ulss 9, Francesco Benazzi -, ma il risultato finale sarà un miglior servizio per tutti”.


Galleria fotograficaGalleria fotografica