Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione dei carabinieri di Castelfranco Veneto e del Noe

DISCARICA ABUSIVA E FURTO DI ELETTRICITÀ: 9 DENUNCE

Controllati un campo nomadi a Loria e un terreno a Paderno



CASTELFRANCO VENETO
– I carabinieri di Castelfranco Veneto e i militari del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) nel corso di alcuni controlli nella Castellana hanno scoperto che in un campo nomadi di Loria gli occupanti si erano agganciati abusivamente alla linea elettrica e a Paderno del Grappa hanno trovato una discarica a cielo aperto. In tutto sono state denunciate a piede libero nove persone. I sette nomadi tra i 23 e i 48 anni a Loria sono chiamati a rispondere del reato di furto aggravato per aver bypassato il contatore ed essersi allacciati alla linea elettrica pubblica dopo aver creato un apposito pozzetto. L'accusa per un 49enne e un 63enne di Paderno del Grappa è invece quella di gestione e stoccaggio su area non autorizzata di rifiuti pericolosi. In questo caso i carabinieri hanno scoperto che i due avevano trasformato un normale terreno in discarica, senza pavimentazione o copertura. Tra il materiale rinvenuto c'erano batterie di veicoli, pneumatici, apparecchi elettrici ed elettronici oltre a parti di automobili.