Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/227: JUSTIN THOMAS SENZA RIVALI AL BRIDGESTONE INVITATIONAL

Il terzo evento del circuito World Golf Championship


AKRON (USA) - È Francesco Molinari a godere il favore degli spettatori. Lo divide con il leader mondiale Dustin Johnson, che di WGC ne ha già conquistati cinque. Anche Tiger Woods, riemerso grazie alla bella prestazione nell’Open Championship, è atteso con...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/226: UN BEL COMPLEANNO FESTEGGIATO SUL FAIRWAY

Torneo e party in onore di Luigino Conti, patron di Ca' della Nave


MARTELLAGO - Una Louisiana a due, per festeggiare il genetliaco di Luigino Conti, direttore del Club Cà della Nave, persona che sa farsi benvolere.Luigino, che ormai da tre anni ha assunto la dirigenza del Circolo trovando nel suo cammino un mare di difficoltà, è riuscito a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/225: CON L'ACI SI GIOCA NEL BOSCO DELLA SERENISSIMA

Al Golf Cansiglio il torneo promosso dall'Automobile Club


TAMBRE D'ALPAGO - L’Automobile Club d’Italia ha cura dei propri soci: al di là del suo compito d’istituto su tutto quanto è attinente all’automobile, mette a loro disposizione un Campionato italiano di Golf, che gira da aprile ad agosto, su 28 tra i...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Diversi linguaggi teatrali nello spettacolo di Centorizzonti

"TRATTATO DI ECONOMIA": AD ALTIVOLE IL COREOCABARET DI CASTELLO E COSENTINO

Sabato 16 aprile all'auditorium Ferraro


Ancora una prima regionale in questa IV edizione di Centorizzonti: sabato 16 aprile alle 21.00, all'auditorium Pier Miranda Ferraro di Altivole, lo spettacolo “Trattato di economia” – versione unplugged (produzione Aldes, in collaborazione con Sardegna Teatro), coreocabaret confusionale sulla dimensione economica dell’esistenza di e con Roberto Castello e Andrea Cosentino.

In “Trattato di economia” Roberto Castello, danzatore e coreografo, e Andrea Cosentino, drammaturgo, attore e regista di teatro, sono per la prima volta insieme sulla scena, in un'opera scritta, diretta e interpretata da entrambi che ha debuttato lo scorso novembre nell'ambito di Teatri di Vetro, a Roma, riscuotendo un ottimo successo di pubblico e critica.

Lo spettacolo nasce dall'incontro fra due artisti diversi per generazione, ambito, formazione e percorso artistico, che per caso un giorno hanno scoperto di covare lo stesso desiderio: realizzare uno spettacolo sulla scienza che vuole liberare l'umanità dalla schiavitù del bisogno. Dopo oltre un anno di letture, incontri, dubbi, entusiasmi e crisi il lavoro inizia a prendere forma, una forma nella quale economia, arte e morale si aggrovigliano con esiti paradossali. Il risultato è un progetto performativo tra parola e gesto che si interroga sul denaro, sul suo valore, sulla sua invadente onnipresenza e sulla sua sostanziale mancanza di rapporto con la realtà.

Porsi ai margini del contratto per renderne palesi i paradossi inventando situazioni limite e domande inappropriate è il modo per riprendere possesso, almeno simbolicamente, di ciò che non si capisce e non si controlla annientandolo con una risata liberatoria.

Il teatro si rivolge a sé stesso dichiarando il suo, forse, più intrinseco problema: come parlare di qualcosa senza farlo esplicitamente, trovando parole che lo mascherino eppure focalizzino l’attenzione dello spettatore sul tema centrale? La domanda viene lanciata e abbandonata come irrisolta: nello spettacolo, semplicemente, la retorica è svelata e il ragionamento si mostra come paradosso insolubile.

Elemento valorizzante di quest’opera è senz’altro la forma: monologo, dialogo, danza, pura azione scenica, vari linguaggi teatrali si fondono per annullarsi reciprocamente, grazie a un’ironia assolutamente disincantata.

Abbonamenti e biglietti. La prevendita dei biglietti (intero euro 13, ridotto euro 11) è attiva da lunedì al venerdì presso i 33 sportelli Credito Trevigiano Bcc, con posto numerato e senza sovrapprezzo (www.creditotrevigiano.it), e ogni sabato dalle 10,30 alle 12,30 alla Fornace dell’Innovazione di Asolo. Inoltre le biglietterie sono aperte nei giorni in calendario, da un’ora prima dello spettacolo. I residenti di tutti i Comuni della rete hanno diritto al biglietto ridotto, mentre sono previste numerose altre convenzioni per l’accesso agevolato.

Sono aperte anche le prenotazioni online sul sito echidnacultura.it (compilare il modulo andando sulla pagina dello spettacolo).

Prossimi appuntamenti. La programmazione “Teatri” proseguirà fino a inizio maggio con altri due appuntamenti: sabato 30 aprile al Teatro “Eleonora Duse” di Asolo è in programma “Pantani il campione fuori norma” di Alessandro Albertin e Michela Ottolini, mentre sabato 7 maggio sarà la volta di “Picablo” di Tam Teatromusica all’Auditorium Centro La Roggia di San Zenone degli Ezzelini.

Centorizzonti 2016. Il progetto, nato nella convinzione che l’arte contemporanea dal vivo possa essere un elemento attivatore enzimatico per la valorizzazione culturale di territori, è frutto della co - progettazione tra comuni, soggetti privati e operatori culturali. I comuni coinvolti sono Asolo – capofila del progetto per il 2016 -, Altivole – capofila nei tre anni precedenti -, Borso del Grappa, Castelcucco, Castello di Godego, Castelfranco Veneto, Cornuda, Crespano del Grappa, Loria, Maser, Possagno, Resana, Riese Pio X, San Zenone degli Ezzelini, Sette Ville – Alano di Piave – Quero Vas, Vedelago compongono la rete di Comuni che promuove la rassegna, realizzata in accordo di programma con la Regione del Veneto. Molte le realtà che sostengono la rassegna, tra queste la società Asco Holding e Cerampiù di Altivole.

Il programma della IV edizione è suddiviso in due fasi: si inizia con gli spettacoli nei teatri, per poi proseguire da maggio con gli appuntamenti e gli eventi nel territorio, che porranno in un’ideale continuità evento artistico e luoghi che sono espressione della ricchezza paesaggistica, storica e artistica veneta.

Informazioni e prenotazioni spettacoli (orari ufficio): tel. 041 412500 o 340 9446568, email info@echidnacultura.it; www.echidnacultura.it