Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si tratta di un 29enne di Istrana, ignoto il motivo del gesto

MOLOTOV CONTRO IL BAR: TROVATO L'AUTORE DEL RAID

L'episodio risale a sabato scorso al locale "Due colonne"



ISTRANA
– I carabinieri di Castelfranco Veneto hanno identificato e denunciato a piede libero il responsabile del raid incendiario, fortunatamente non andato a buon fine, ai danni del bar “Due colonne” di Istrana, verificatosi lo scorso sabato sera. Dopo gli accertamenti del caso, anche utilizzando le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate in zona, i militari sono convinti che a lanciare quella molotov contro il locale sia stato un 29enne del luogo, che ora verrà chiamato a rispondere dei reati di fabbricazione e porto illegale di congegni esplosivi e di tentato danneggiamento. Una volta incastrato, il responsabile non ha saputo spiegare il motivo che lo ha spinto a scagliare la molotov artigianale composta da alcool e con l'innesco di carta contro la parete esterna del locale. All'interno della casa del giovane i carabinieri hanno posto sotto sequestro diverso materiale utile a fabbricare altre bombe incendiarie.