Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: È GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si tratta di un 29enne di Istrana, ignoto il motivo del gesto

MOLOTOV CONTRO IL BAR: TROVATO L'AUTORE DEL RAID

L'episodio risale a sabato scorso al locale "Due colonne"



ISTRANA
– I carabinieri di Castelfranco Veneto hanno identificato e denunciato a piede libero il responsabile del raid incendiario, fortunatamente non andato a buon fine, ai danni del bar “Due colonne” di Istrana, verificatosi lo scorso sabato sera. Dopo gli accertamenti del caso, anche utilizzando le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate in zona, i militari sono convinti che a lanciare quella molotov contro il locale sia stato un 29enne del luogo, che ora verrà chiamato a rispondere dei reati di fabbricazione e porto illegale di congegni esplosivi e di tentato danneggiamento. Una volta incastrato, il responsabile non ha saputo spiegare il motivo che lo ha spinto a scagliare la molotov artigianale composta da alcool e con l'innesco di carta contro la parete esterna del locale. All'interno della casa del giovane i carabinieri hanno posto sotto sequestro diverso materiale utile a fabbricare altre bombe incendiarie.