Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si tratta di un 29enne di Istrana, ignoto il motivo del gesto

MOLOTOV CONTRO IL BAR: TROVATO L'AUTORE DEL RAID

L'episodio risale a sabato scorso al locale "Due colonne"



ISTRANA
– I carabinieri di Castelfranco Veneto hanno identificato e denunciato a piede libero il responsabile del raid incendiario, fortunatamente non andato a buon fine, ai danni del bar “Due colonne” di Istrana, verificatosi lo scorso sabato sera. Dopo gli accertamenti del caso, anche utilizzando le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate in zona, i militari sono convinti che a lanciare quella molotov contro il locale sia stato un 29enne del luogo, che ora verrà chiamato a rispondere dei reati di fabbricazione e porto illegale di congegni esplosivi e di tentato danneggiamento. Una volta incastrato, il responsabile non ha saputo spiegare il motivo che lo ha spinto a scagliare la molotov artigianale composta da alcool e con l'innesco di carta contro la parete esterna del locale. All'interno della casa del giovane i carabinieri hanno posto sotto sequestro diverso materiale utile a fabbricare altre bombe incendiarie.