Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'azienda paga 46 cent al litro, contro i 36 della media nazionale

LATTERIA DI SOLIGO, 200 SOCI DOMANI IN ASSEMBLEA

Momento critico per il settore: "Coop unico argine"


FARRA DI SOLIGO - Si terrà domani l’assemblea annuale di Latteria Soligo che vedrà rappresentati oltre 200 soci conferitori (tra Veneto e Friuli Venezia Giulia). In un momento di estrema difficoltà per il settore lattiero caseario, l’appuntamento assembleare assume un ruolo importante di riflessione delle dinamiche in atto. I soci saranno chiamati ad approvare il consuntivo 2015. "Nonostante le difficoltà, nell’anno dell’addio alle quote latte e dell’inizio della totale deregulation del settore, Latteria Soligo è riuscita a mantenere dritta la barra del timone nel mare in tempesta. Per il 2015 andremo a pagare ai soci 0,467 € per litro di latte alla stalla, contro una media italiana che non è andata oltre i 36-37 centesimi al litro – spiega il presidente Lorenzo Brugnera –. Questo è per noi una dimostrazione chiara di come il sistema cooperativo e il controllo diretto della filiera da parte degli allevatori, dalla stalla alla trasformazione casearia, sia l’unico argine contro la deriva dei prezzi. L’unità dei nostri agricoltori è la nostra forza, da più di 130 anni, solo così si può evitare di soccombere alle logiche delle multinazionali”.
Anche una realtà fortemente radicata nel territorio sta facendo i conti con le spinte dei mercati internazionali: “Il dopo quote ha significato una impennata produttiva esponenziale, nel Nord Europa ci sono paesi che stanno producendo dal 15 al 17% in più e anche in Veneto la crescita è stata intorno al 2%, con il rischio evidente che il mercato non riesca ad assorbire la materia prima e l’incubo di ogni allevatore che si materializza: il latte che viene buttato – prosegue Brugnera - . A questo aggiungiamo un blocco delle importazioni Russo e una discesa del mercato cinese, ed è chiaro che il quadro internazionale è davvero difficile". Ma sul fronte interno la maggiore minaccia viene dal calo dei consumi: "Che resta importante – prosegue il presidente – anche a causa dell’avanzare mediatico di dubbie teorie alimentari come quella vegana che mettono sotto accusa un alimento come il latte che resta invece insostituibile per il suo apporto di proteine e nutrienti". A questi assalti Soligo ha risposto con la strategia della qualità, è stata la prima infatti ad ottenere il marchio QV (Qualità Verificata) dalla Regione Veneto.