Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: ╚ GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/167: SU IL SIPARIO SULL'ITALIAN PRO TOUR 2017

Enrico Di Nitto si aggiudica il 78░ Open Nazionale


CERVIA - Si è alzato il sipario sull’Italian Pro Tour 2017, il circuito di gare nazionali e internazionali che, per dirla con le parole del Presidente FIG “riveste da anni un ruolo decisivo per accrescere la competitività dei nostri giocatori, ed è linfa vitale per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Alle urne dalle 7 alle 23, interessate le piattaforme fino a 12 miglia

DOMENICA IL REFEREDUM SULLE TRIVELLAZIONI IN MARE

Si vota per abolire il rinnovo automatico delle concessioni


TREVISO - Domenica 17 aprile i cittadini italiani saranno chiamati a votare per il referendum sulle cosiddette trivellazioni.

IL QUESITO
Questo il quesito che sarà sottoposto ai votanti: "Volete voi che sia abrogato l'art. 6, comma 17, terzo periodo, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, “Norme in materia ambientale”, come sostituito dal comma 239 dell'art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di Stabilità' 2016)”, limitatamente alle seguenti parole: “per la durata di vita utile del giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia ambientale?". In sostanza, si chiede agli elettori se sono favorevoli o meno ad abrogare la norma (contenuta nel cosiddetto decreto Sblocca Italia) che consente alle compagnie petrolifere di proseguire l'estrazione di petrolio e gas naturale tramite le piattaforme marine, anche oltre la scadenza delle concessioni attualmente in essere e fino all'esaurimento del giacimento stesso. Votando SI' verrà abolita la norma, votando NO la norma rimarrà in vigore. Il referedum è stato promosso da 9 regioni.

PIATTAFORME
La normativa e dunque la consultazione referendaria si riferiscono alla piattaforme per l'estrazione situate entro 12 miglia marine dalla costa (circa 22 km). Secondo i dati forniti dal ministero dello Sviluppo economico, nei nostri mari attualmente sono in essere 21 concessioni, per 135 strutture off-shore, di cui 92 installate entro le 12 miglia e 43 oltre questo limite. La distanza è determinata da ragioni esclusivamente paesaggistico-ambientali, non da motivazioni tecniche o di sicurezza. Il 95% di questi impianti è destinato all'estrazione di gas naturale. In precedenza la legge (a cui i promotori della consultazione vorrebbero tornare) assegnava concessioni di 30 anni, scadute le quali il concessionario potevano richiedere proroghe di dieci e poi di cinque anni. Le nuove disposizioni, di fatto, consentono un rinnovo automatico fino a prosciugamento del giacimento.

IL VOTO
Si voterà solo domenica, dalle 7 alle 23. Possono votare tutti i cittadini maggiorenni. Come per altre elezione, bisognerà recarsi al proprio seggio elettorale, muniti di un documento di indentità valido e della tessera elettorale. Chi non l'ha ricevuta o l'ha smarrita, può richiederla all'ufficio elettorale del proprio Comune


Nel link, le interviste sul tema del referendum e delle trivellazioni a Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto, una delle Regioni che ha promosso la consultazione, e ad Andrea Zanoni, consigliere regionale del Pd.