Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A processo per truffa un 66enne bassanese di Castelfranco Veneto

RESORT DI LUSSO FANTASMA: CONDANNATO A NOVE MESI

Vittima un imprenditore, raggirato dal finto architetto



CAVASO DEL TOMBA
– Fingendosi un architetto con contatti importanti per la costruzione di un resort di lusso a Biarritz, in Francia, sarebbe riuscito a spillare 2.300 euro a un imprenditore trevigiano. Finito a processo per truffa, un bassanese di 66 anni residente a Castelfranco Veneto se l'è cavata con una condanna a nove mesi di reclusione. Stando a quanto riportato nel capo d'imputazione l'uomo, millantando rapporti commerciali con aziende spagnole e francesi, avrebbe raggirato l'imprenditore prospettandogli la fornitura esclusiva dell'arredo bagno per il resort a Biarritz. Un affare per l'imprenditore, al quale il finto architetto aveva promesso che, se avesse accettato l'affare, si sarebbe ridotto la provvigione dal 5% al 3 %. Il pagamento della somma incriminata sarebbe servito per accaparrarsi il lavoro e per effettuare un sopralluogo sul posto, che in realtà non è mai avvenuto. La vittima ha allora chiesto la restituzione del denaro, fiutando che qualcosa non andava, ma il 66enne oltre a non aver restituito un centesimo da quel momento si è reso irreperibile.