Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Intervista a Christian Schiavon, ad di Ats, unica societą idrica italiana coinvolta

IL FUTURO DEI DEPURATORI PARTE DALLA MARCA

L'impianto di Carbonera al centro di un innovativo progetto europeo


TREVISO - La Marca trevigiana capofila italiana di un innovativo progetto di rilevanza europea sulla depurazione delle acque reflue e sul recupero di materiali, altrimenti destinati ad essere smaltiti, mettendo in atto un esempio concreto di economia circolare.
Christian Schiavon, amministratore delegato di AtsIl progetto Smart-Plant, infatti, prevede la ristrutturazione degli impianti di depurazione esistenti con tecnologie innovative che consentono il recupero di materia rinnovabile (cellulosa, biopolimeri, fertilizzanti, acqua) e la successiva lavorazione di questi materiali fino alla produzione di beni di consumo recuperati. L’obiettivo è la chiusura della catena del valore. Le attività saranno condotte misurando sperimentalmente le emissioni di gas serra e l’impatto ambientale, la percezione e partecipazione sociale, e le ricadute economiche, in un’ottica di economia circolare e recupero sostenibile, che supera il tradizionale concetto di “produzione-smaltimento”.
Selezionato tra 174 iniziative, Smart-Plant verrà finanziato dall'Unione Europea nell'ambito del programma Horizon 2020: avrà un budget complessivo di 9,6 milioni di euro, coinvolgendo 25 partner europei (17 piccole e grandi aziende, di cui 7 del settore idrico, oltre ad otto tra università e centri di Ricerca) ed è coordinato dall’Università di Verona.
In Italia il sito di innovazione sarà il depuratore di Carbonera (TV) gestito da Alto Trevigiano Servizi, (l'azienda che gestisce acquedotto e rete fognaria in gran parte della provincia di Treviso, oltre che in alcuni comuni bellunesi e vicentini), unica società idrica italiana partner del progetto. Tra le collaborazioni italiane, anche quelle con l'università “La Sapienza” di Roma e la Scare, pmi di Dueville, nel Vicentino.. Oltre all’Italia, SMART-Plant prevede la partecipazione di altri paesi europei come Spagna, Germania, Olanda, Inghilterra, Grecia, Portogallo, e paesi extra-UE come Norvegia, Svizzera e Israele. In Europa operano circa 22.000 depuratori municipali e gli investimenti nel settore supereranno verosimilmente 37.6 miliardi di euro entro il 2017.

In occasione della Giornata mondiale dell'Acqua 2016, promossa dall'Onu per sensibilizzare all'utilizzo sostenibile di questa preziosissima risorsa e per ridurne gli sprechi, abbiamo parlato del progetto con Cristian Schiavon, amministratore delegato di Ats.

Il depuratore di Carbonera