Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 29enne accusato di maltrattamenti e sequestro di persona

SEGREGAVA LA COMPAGNA IN CASA: A PROCESSO

Per mesi l'avrebbe anche picchiata per paura che lo lasciasse



TREVISO
– Per mesi avrebbe segregato in casa la compagna per paura che lei lo lasciasse. Una vicenda che sarà il giudice a dover chiarire nei dettagli visto che l'uomo, un 29enne originario del Burkina Faso, si trova ora sotto processo per sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. Dopo aver sopportato quei soprusi per mesi la donna, 30 anni, ha trovato il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri nell'ottobre del 2013. In quell'occasione, al termine dell'ennesimo litigio, il 29enne aveva chiamato il 112 minacciando il suicidio. Subito i militari si sono precipitati nell'abitazione della coppia ma l'uomo, che ha risposto al campanello, ha detto che era tutto a posto. I carabinieri gli hanno chiesto però di entrare per verificare la situazione e hanno trovato la porta della camera da letto chiusa a chiave. Dentro c'era la compagna, visibilmente agitata, che ha colto l'occasione per raccontare tutto quello che aveva subito fino a quel momento, facendo di fatto scattare le indagini.