Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un 29enne accusato di maltrattamenti e sequestro di persona

SEGREGAVA LA COMPAGNA IN CASA: A PROCESSO

Per mesi l'avrebbe anche picchiata per paura che lo lasciasse



TREVISO
– Per mesi avrebbe segregato in casa la compagna per paura che lei lo lasciasse. Una vicenda che sarà il giudice a dover chiarire nei dettagli visto che l'uomo, un 29enne originario del Burkina Faso, si trova ora sotto processo per sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. Dopo aver sopportato quei soprusi per mesi la donna, 30 anni, ha trovato il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri nell'ottobre del 2013. In quell'occasione, al termine dell'ennesimo litigio, il 29enne aveva chiamato il 112 minacciando il suicidio. Subito i militari si sono precipitati nell'abitazione della coppia ma l'uomo, che ha risposto al campanello, ha detto che era tutto a posto. I carabinieri gli hanno chiesto però di entrare per verificare la situazione e hanno trovato la porta della camera da letto chiusa a chiave. Dentro c'era la compagna, visibilmente agitata, che ha colto l'occasione per raccontare tutto quello che aveva subito fino a quel momento, facendo di fatto scattare le indagini.