Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dopo l'assemblea partirà l'operazione, in Borsa a metà giugno

"NON ESLCUDO UN INTERVENTO DI ATLANTE IN VENETO BANCA"

Per l'ad Carrus il fondo potrebbe entrare nell'aumento di capitale


MONTEBELLUNA - "Non escludo nulla". Così l'amministratore delegato di Veneto Banca, Cristiano Carrus, ha risposto a chi gli chiedeva se il fondo Atlante potrebbe intervenire nella ricapitalizzazione da 1 miliardo che l'istituto si appresta a lanciare. Parlando a margine del consiglio nazionale della Uilca (il sindacato dei bancari della Uil), Carrus ha aggiunto che "al momento noi abbiamo un consorzio guidato da Banca Imi che è stabile e sta lavorando nella preparazione del pre marketing e sulle autorizzazioni di Consob e Borsa Italiana". Della possibile partecipazione del fondo Atlante se ne discuterà più avanti: "Non se ne parlerà sicuramente prima dell'assemblea del 5 maggio, ci vorranno quindi ancora 20-25 giorni". Carrus ha comunque assicurato che l'istituto montebellunese non metterà risorse nel fondo, creato appositamente per sostenere i prossimi aumenti di capitale delle banche italiane, in primis le grandi ex popolari venete. Il manager ha anche ribadito il percorso che attende Veneto Banca: subito dopo l'asseblea del 5 maggio, si aprirà il premarketing, cioè i sondaggi con gli investitori istiuzionali in vista della ricapitalizzazione, e nel contempo verrà richiesta l'autorizzazione per l'operazione alla Consob. La quotazione in Borsa avverrà verso metà giugno "forse qualche giorno prima", ha sottolineato Carrus. Solo conclusa questa fase, si studierà il dossier su possibili aggregazioni. L'amminisratore delgato non ha commentato la forchetta di prezzo (tra 0,1 a 1 euro) annunciata per l'aumento di capitale di Popolare di Vicenza.