Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: ╚ GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Vittima Giovanni Minute, un 69enne residente a Valdobbiadene

SCIVOLA PER 200 METRI IN UN DIRUPO: MORTO SUL COLPO

L'incidente all'ingresso della Valle di Schievenin a Quero-Vas



QUERO
– Stava cercando bruscandoli assieme a un amico quando ha perso l'equilibrio scivolando per 200 metri in un ripido pendio. Una caduta risultata purtroppo fatale a un 69enne di Valdobbiadene, Giovanni Minute. L'incidente si è verificato all'ingresso della Valle di Schievenin. L'amico della vittima, che ha assistito impotente alla scena, ha subito allertato il 118 che ha inviato sul posto gli uomini del Soccorso Alpino di Prealpi Trevigiane e di Feltre. Il primo soccorritore arrivato lungo la strada che da Cilladon porta a Malga Paoda, ha rintracciato il testimone e si è fatto indicare il punto esatto in cui l'amico era caduto. Calatosi con delle corde nella scarpata tra alberi e salti di roccia, il tecnico del soccorso alpino ha ritrovato il corpo senza vita del 69enne, non potendo far altro che constatarne il decesso a causa della gravi ferite riportate durante la caduta.