Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Appello all'automobilista: "Contatti la Provincia"

SCIACALLO DORATO INVESTITO A TREVISO

Trovato morto a S. Antonino, da anni assente dalla Marca


TREVISO - Le guardie venatorie della Provincia hanno recuperato il cadavere di uno “Sciacallo dorato”, una specie particolarmente rara nella Marca Trevigiana che da anni non si osservava. L’animale è stato ritrovato a Treviso, in zona Sant’Antonino vicino alla Tangenziale dove era stato investito ieri notte.
Lo “Sciacallo dorato” è una specie originaria dell’Asia centrale e molto diffusa nell’Est Europa, specie in Bulgaria. Si tratta di un animale molto adattabile, essendo capace di sfruttare numerose fonti di cibo, dai frutti e gli insetti fino ai piccoli ungulati. Le prime apparizioni in Veneto risalgono al 1992 e nella Marca Trevigiana non si osservava da anni.
“Dispiace davvero che un esemplare di questo tipo sia ritrovato morto – commenta Leonardo Muraro, presidente della Provincia – si tratta di una specie rarissima nei nostri territori, che migra dall’est. È stato investito, ma l’investitore ha dimostrato l’accortezza e la sensibilità di spostarlo sul guard-rail dove l’hanno trovato le guardie venatorie prima di portarlo al Centro di Recupero Fauna Selvatica, purtroppo morto". Il leader dell'amministrazione provinciale trevigiana lancia anche un appello all’investitore: di contattare gli uffici dell'ente, allo 0422 656000. Non incorrerà in alcuna sanzione, ma conoscere il punto esatto in cui l'animale è balzato sulla carreggiata è importante per poter tracciare le rotte migratorie. Molto probabilmente aveva percorso il territorio del Parco del Sile, provenendo da Est. Lo sciacallo, inoltre, è un animale sociale, che vive a coppie, dunque la sua famiglia potrebbe trovarsi ancora in zona.