Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Appello all'automobilista: "Contatti la Provincia"

SCIACALLO DORATO INVESTITO A TREVISO

Trovato morto a S. Antonino, da anni assente dalla Marca


TREVISO - Le guardie venatorie della Provincia hanno recuperato il cadavere di uno “Sciacallo dorato”, una specie particolarmente rara nella Marca Trevigiana che da anni non si osservava. L’animale è stato ritrovato a Treviso, in zona Sant’Antonino vicino alla Tangenziale dove era stato investito ieri notte.
Lo “Sciacallo dorato” è una specie originaria dell’Asia centrale e molto diffusa nell’Est Europa, specie in Bulgaria. Si tratta di un animale molto adattabile, essendo capace di sfruttare numerose fonti di cibo, dai frutti e gli insetti fino ai piccoli ungulati. Le prime apparizioni in Veneto risalgono al 1992 e nella Marca Trevigiana non si osservava da anni.
“Dispiace davvero che un esemplare di questo tipo sia ritrovato morto – commenta Leonardo Muraro, presidente della Provincia – si tratta di una specie rarissima nei nostri territori, che migra dall’est. È stato investito, ma l’investitore ha dimostrato l’accortezza e la sensibilità di spostarlo sul guard-rail dove l’hanno trovato le guardie venatorie prima di portarlo al Centro di Recupero Fauna Selvatica, purtroppo morto". Il leader dell'amministrazione provinciale trevigiana lancia anche un appello all’investitore: di contattare gli uffici dell'ente, allo 0422 656000. Non incorrerà in alcuna sanzione, ma conoscere il punto esatto in cui l'animale è balzato sulla carreggiata è importante per poter tracciare le rotte migratorie. Molto probabilmente aveva percorso il territorio del Parco del Sile, provenendo da Est. Lo sciacallo, inoltre, è un animale sociale, che vive a coppie, dunque la sua famiglia potrebbe trovarsi ancora in zona.