Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

L'intervista alla cantante e attrice teatrale e cinematografica

MARIA ROVERAN È POLLY NE "L'OPERA DA TRE SOLDI" DIRETTA DA MICHIELETTO

La sfida col canto lirico e il debutto al Piccolo Teatro di Milano


Già nel cinema si era distinta sia come attrice che come cantante scrivendo e interpretando la colonna sonora del primo film di cui era protagonista, Piccola Patria, e di altri film successivi. Ora Maria Roveran unisce il talento attoriale e quello musicale confrontandosi con il canto lirico.
L'attrice-cantante veneziana, originaria di Favaro Veneto, ha debuttato martedì 19 aprile al Piccolo Teatro Strehler di Milano ne "L'Opera da Tre Soldi" scritta da Bertolt Brecht e Kurt Weill, per la regia del visionario Damiano Michieletto, fresco vincitore dell’Olivier Award, il più alto riconoscimento teatrale inglese, per il dittico “Cavalleria rusticana” e “Pagliacci”.
Angelo o demone, ragazzina ingenua o abile manipolatrice? Maria Roveran questa volta incarna la piccola Polly Peachum, moglie legittima dell'infedele Mackie Messer, interpretato da Marco Foschi accanto a un cast d'eccezione che vede Rossy De Palma nel ruolo di Jenny delle Spelonche e Peppe Servillo in quello di Peachum.


Nella versione del regista veneto stimato a livello mondiale si partirà dal processo: “La mia idea – precisa nel corso della conferenza stampa il trevigiano Michieletto - è mettere l’Opera “sotto processo”, guardarla sotto una lente d’ingrandimento. Il fulcro è il processo a Mackie Messer, che diventa il filtro attraverso il quale leggere la storia e al tempo stesso comprenderla. È un tentativo di smontare il racconto e rimontarlo secondo una circostanza precisa, in grado di creare il necessario distacco analitico. Sarà un lavoro sui personaggi svolto su un costante dislivello recitativo, dove la canzone crea un’ulteriore e prepotente spaccatura con il tessuto e le circostanze della vicenda”. Una produzione Piccolo Teatro di Milano a 60 anni dalla rappresentazione di Giorgio Strehler, in cui il regista veneto ha scelto per la sua mise en scène attori che cantano.