Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Mai nessun sintomo: al pomeriggio era stato in piscina a nuotare

BIMBO DI 5 ANNI MORTO PER UN ANEURISMA CEREBRALE

Il piccolo Sebastiano Grava ha avvertito un forte mal di testa


CONEGLIANO - Sembrava una giornata come tante, tra asilo, giochi, l'affetto dei familiari, come deve essere per un bimbo di cinque anni. In serata, invece, Sebastiano Grava si è sentito male e per lui non c'è stato nulla da fare: dopo poche ore, un aneurisma al cervello ha posto fine alla sua breve vita.
Il piccolo abitava con la famiglia a Costa di Conegliano. Giovedì scorso, mamma Stefania era andata a prenderlo, come al solito, alla scuola materna e, poi, insieme, si erano recati in piscina per un corso di nuoto. Tornati a casa, Sebastiano aveva giocato con il fratello Edoardo, di 9 anni, poi, dopo cena, era andato a letto verso le 21.30. Poco dopo, però, il bambino si è alzato, lamentando un forte mal di testa. Poichè il dolore non accennava a diminuire, la madre ha deciso di portarlo al Pronto soccorso di Conegliano: ricoverato, le sue condizioni sono rapidamente peggiorate e il bimbo è entrato in coma. Nonostante i prolungati tentativi di rianimarlo e il trasferimento d'urgenza al Ca' Foncello di Treviso per un'operazione chirurgica, non ha più ripreso conoscenza. Gli sforzi dei medici sono riusciti solo a tenerlo in vita finchè il papà, architetto, che in questo periodo si trovava per lavoro in Qatar, potesse arrivare per rivederlo un'ultima volta. Poco dopo Sebastiano è spirato. "Era un piccolo terremoto, andava a cento all'ora, non aveva mai avuto nemmeno un'influenza", dicono i genitori disperati. L'11 ottobre prossimo avrebbe compiuto sei anni  e già sognava di frequentare le scuole elementari. L'emorragia cerebrale fatale pare sia dovuta alla rottura di un vaso sanguigno a causa di una malformazione congenita mai scoperta. Ora toccherò all'autopsia dare conferma a questa ipotesi. I funerali del piccolo volato in cielo saranno celebrati venerdì pomeriggio o sabato mattina nella chiesa parrocchiale di S. Martino in centro a Conegliano.