Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I Carabinieri setacciano ospedali e farmacie della zona

FETO GETTATO IN UN CASSONETTO AD ORMELLE

Ritrovato l'altra mattina nei pressi del cimitero di Tempio


ORMELLE - Macabra scoperta ad Ormelle: un feto, ormai privo di vita, è stato ritrovato in mattinata all'interno di un cassonetto, nei pressi del cimitero della frazione di Tempio. Il corpicino, inserito in un borsone, è stato rinvenuto in un contenitore per i rifiuti vegetali, posizionato a fianco dell'entrata del camposanto. Ad accorgersene per prime, verso le 10, le addette alle pulizie. I Carabinieri, intervenuti sul posto, stanno indagando a tutto campo per individuare la madre e chi abbia cercato di liberarsi del feto: i militari stanno battendo a tappeto ospedali e farmacie della zona. Il piccolo cadavere non presenta segni di violenza: secondo una prima ricostruzione del medico legale si tratterebbe di un aborto spontaneo al quinto mese di gravidanza. Per una valutazione più precisa, verrà comunque eseguita l'autopsia. Poco dopo il ritrovamento, il parrocco del luogo ha battezzato il neonato con il nome di Giovanni, lo stesso del santo a cui è dedicata la chiesa.