Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ricoverati quasi 800 pazienti all'anno, mille quelli con Hiv seguiti

TREVISO AL TOP NELLA CURA DELLE MALATTIE INFETTIVE

Il reparto del Ca' Foncello in vetta alla classifica nazionale


TREVISO - L’unità operativa Malattie Infettive del Ca’ Foncello di Treviso, diretta dal dottor Piergiorgio Scotton, si conferma tra le prime in Italia. La valutazione di ThatMorning Italia, la mappa on line dei migliori ospedali della penisola basata sui dati di Agenas (Agenzia nazionale per i Servizi Sanitari Regionali con attività di monitoraggio, valutazione, formazione e ricerca orientate allo sviluppo del sistema salute) ha certificato al reparto trevigiano l’attestato di qualità con un ragguardevole punteggio di 7,5 a fronte della media nazionale in quest’ambito di 4,7.
Malattie infettive di Treviso è reparto di riferimento provinciale. Dispone di 6 posti letto di isolamento respiratorio e di altri 20 per la gestione delle varie patologie; i ricoveri sono tra i 700-800 all’anno. L’attività principale è quella ambulatoriale, con circa 30-40 visite al giorno. Organizza, inoltre, incontri mensili con gli operatori sanitari di discussione dei casi clinici più interessanti che si sono verificati nelle diverse unità operative dell’Ospedale per favorire il confronto tra diversi professionisti.
"Il livello qualitativo certificato al reparto è importante – sottolinea il Direttore generale Francesco Benazzi -. Non solo come traguardo ma soprattutto perché è il risultato di un lavoro quotidiano nella cura e l’assistenza a favore dei cittadini in un ambito così delicato. Il reparto è riferimento provinciale e per alcune patologie anche sovra provinciale; il punteggio è la sintesi di un impegno mirato alla qualità e il riconoscimento al lavoro svolto. Mi congratulo don il dottor Scotton”,
Assieme alla Gastroenterologia, il reparto è unico riferimento provinciale per il trattamento dei pazienti con epatite C con i nuovi farmaci ad azione diretta. Ha creato una rete con i centri di epatologia della provincia per avviare in maniera corretta alla terapia tutti i pazienti. “Nel 2015 – spiega il primario - sono stati trattati circa 170 pazienti con tassi di guarigione del 90%. Nel 2016 la previsione è di trattare almeno 500 pazienti. La scelta della terapia tiene conto di un’attenta valutazione del rapporto costo-benefici al fine di trattare adeguatamente il maggior numero di pazienti. E’ operativo anche l’ambulatorio per eseguire il Fibroscan per valutare l’indicazione e la priorità alla terapia”. Ma l’unità operativa è l’unico centro della provincia di Treviso anche per la gestione dei pazienti con infezione da HIV. “Seguiamo circa 1000 pazienti con infezione da HIV – prosegue il dr. Scotton - con terapie specifiche che tengono conto della loro efficacia, degli effetti collaterali oltre che di un’attenta valutazione del rapporto costo-benefici”.
Riferimento sovraprovinciale, il reparto trevigiano lo è, inoltre, per la gestione delle infezioni materno-fetali durante la gravidanza (in collaborazione con l’Ostetricia-Ginecologia, la Patologia Neonatale e la Pediatria) così come (in collaborazione con Cardiochirurgia e Cardiologia) per la gestione delle endocarditi infettive. Quest’ultime investono circa 70 pazienti l’anno e richiedono spesso anche un approccio chirurgico durante la fase acuta della malattia. Non ultimo, è rilevante l’attività per la gestione delle malattie del viaggiatore internazionale, delle malattie tropicali e delle febbri estive da vettori; in particolare, la febbre del Nilo Occidentale.