Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitą coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Specialista di questo trattamento, arriva da Mestre

CON IL NUOVO PRIMARIO, ANCHE A TREVISO IL PARTO IN ANALGESIA

Antonio Farnia nominato alla guida di Anestesia del Ca' Foncello


TREVISO - Nuovo primario per l'Unità Operativa complessa di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso. E’ il dottor Antonio Farnia: 59anni, nato a Musile di Piave torna a Treviso - dove è cresciuto professionalmente - dall'ospedale "Dell'Angelo" di Mestre, dove è direttore dell’analogo reparto. Si è laureato a Padova nel 1984 e sempre nell'università patavina, si è specializzato, nel 1987, in Anestesia e Rianimazione (col massimo dei voti e la lode) e nel 1991 ha superato il corso di perfezionamento in Scienze Neurologiche.
Dopo il primariato a Mestre, iniziato l’1 gennaio del 2015, il dottor Farnia rientra a Treviso dove ha iniziato la carriera di anestesista 28 anni fa. Nel 1988, infatti, entrò al Ca’ Foncello come assistente di ruolo. Nel 2007 è stato nominato sostituto coordinatore, responsabile dell’attività anestesiologica di elezione e d’urgenza. L’anno successivo assumeva la direzione dell’Unità operativa semplice di Anestesia di elezione e d’Urgenza coordinando il lavoro di 11 gruppi operatori (delle diverse discipline chirurgiche) e 30 colleghi anestesisti per un totale di 77 sedute operatorie settimanali. Dal 2010, con l’assunzione della responsabilità dell’attività anestesiologica di tutte le sale operatorie del presidio ospedaliero, estendeva il suo coordinamento su 24 sale per un totale di 102 sedute settimanali. E’ esperto in parto analgesia. Dal 2004 è professore a contratto presso i corsi di laurea dell’Università di Padova. Nella sua carriera ha prodotto una quarantina di pubblicazioni scientifiche.
"L’esperienza professionale di specialista del dottor Farnia è sicuramente di eccellenza come è necessario per mantenere alto il profilo del nostro servizio di Anestesia e Rianimazione – sottolinea il direttore generale dell'Ulss 9, Francecso Benazzi, che ha sancito la nuova nomina -. Sia il suo curriculum formativo che quello professionale sono ragguardevoli. Viene da una realtà ospedaliera vicina ma è cresciuto fin dagli inizi della carriera nella nostra Ulss, a conferma che l’azienda deve essere anche una scuola per i professionisti. A lui dò il bentornato a Treviso e auguro buon lavoro”.
"Il dottor Farnia – prosegue Benazzi – ha una vastissima esperienza in campo anestesiologico ed è un esperto in parto analgesia. Quest’ultima, come avevo annunciato, era condizione fondamentale per la nomina del nuovo primario. Ora, per le mamme si aprono le porte della parto analgesia anche nel punto nascita di Treviso, e quindi in tutta l’azienda, dopo quanto già avviene ad Oderzo"