Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/151: GLI AZZURRI ALLA QUALIFICAZIONE PER IL TOUR ASIATICO

Alle Hawaii via al Pga: nel torneo dei campioni comanda Justin Thomas


Due interessanti manifestazioni in questi giorni, alle Hawaii e in Tailandia: mentre la PGA americana dà il via al torneo riservato ai vincitori della scorsa stagione che segna anche l’inizio del Tour statunitense, gli azzurri Alessandro Tadini (piemontese) e Aron Zemmer (ventiseienne...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/150: IL BILANCIO AZZURRO DI UN ANNO SUI GREEN

Francesco Molinari ancora troppo solo e 4 nuove proette nel Tour


TREVISO - Ha ricevuto pennellate di azzurro da parte dei nostri giocatori, il mondo del professionismo nel 2016; si sono registrati ottimi risultati: di spicco, al consuntivo dell’annata, il trionfo di Francesco Molinari nel 73° Open d’Italia. Altrettanto bene si può dire per...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/14: GOLF CLUB CARIMATE

In Brianza un percorso piacevole, ad ogni buca il nome di una pianta


CARIMATE - Siamo in Brianza, una terra che si differenzia in numerosi tratti dal resto della Lombardia, per la natura geografica, demografica, economica, e linguistica, e non fa riferimento a un ente territoriale. I suoi comuni hanno attinenza a quattro differenti province: Milano, Monza, Como e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Collaborazione al via con il Giro d'Italia in partenza venerdì

NELLE BORRACCE DI CONTADOR E SAGAN SUCCHI DI KIWI MADE IN TREVISO

La Kiwiny di Giavera partner del team pro di ciclismo Tinkoff


GIAVERA DEL MONTELLO - Kiwiny, marchio dell'azienda agricola dei fratelli Breitenberger di Giavera del Montello, entra coi suoi prodotti lavorati dal kiwi a far parte del programma alimentare di Tinkoff, squadra maschile di ciclismo su strada in cui militano Alberto Contador e il campione del mondo Peter Sagan. Una collaborazione nata sulla base di studi sull'efficacia di un'alimentazione corretta per i ciclisti di alto livello, condotti durante il Giro d'Italia, scegliendo prodotti di eccellenza del made in Italy.
Kiwiny produce, seleziona e distribuisce 10mila quintali di kiwi freschi all'anno, trasformandoli anche in lavorati e segue rigorosamente i principi della coltivazione biologica, cioe con l'esclusione di sostanze di sintesi e la garanzia di un trattamento
a base esclusivamente di concimi naturali.  “Kiwiny non è solo kiwi: è un brand che certifica una filosofia fatta di lavoro, ricerca, qualità e sostenibilità, è la via italiana alla coltivazione della terra e dei suoi frutti", spiegano i fratelli Breitenberger. Una sempre piu ampia rete di piccole aziende agricole del territorio, in grado di seguire i medesimi, rigidi standard di produzione e lavorazione naturale, si affida al brand di Giavera per commercializzare i propri frutti. Nel 2015 l'azienda è riuscita ad esportare prodotto fresco in Australia, e si è aggiudicata i il premio del Mipaaf a Expo 2015 quale “nuovo talento imprenditoriale” del settore agroalimentare.
Ora la partnership con Tinkoff: al Giro 2016, Kiwiny e chiamata a rifornire gli atleti del team russo dei prodotti lavorati, ossia marmellate, succhi e smoothie (“spremute”) di puro kiwi o con l'aggiunta di mela, pera, cocco, banana e zenzero. D'altronde il kiwi, spiegano dall'azienda, è un alimento utilissimo per chiunque sia chiamato a compiere prestazioni sportive molto dispendiose: e composto per l'80% di acqua, e quindi garantisce una rapida reidratazione, e ricco di vitamina C, vitamina E e potassio ed e un prodotto rimineralizzante, che regola cioe la funzionalita cardiaca e la pressione arteriosa.
La collaborazione Kiwiny-Tinkoff e stata suggellata a inizio anno e varra per tutto l'anno 2016: si trovera al suo primo, impegnativo banco di prova proprio al Giro 2016, competizione che inizia venerdi 6 maggio e nella quale il team russo parte con importanti ambizioni di podio, puntando in particolare sull'atleta polacco Rafał Majka, sostenuto di gregari navigati e affidabili come i trevigiani Manuele Boaro e Matteo Tosatto.