Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nuovo pezzo per l'Omaggio per la riapertura del complesso trevigiano

IL MUSEO BAILO SI ARRICCHISCE DELLA "LEDA E IL CIGNO"

La scultura di Herta Ottolenghi Wedekind è stata donata al Comune


TREVISO - Dopo la firma dell’atto di donazione da parte della famiglia Copercini - Giuseppin e del Comune di Treviso, "Leda e il Cigno", la scultura in gesso, realizzata nel 1930 da Herta Ottolenghi Wedekind (Berlino, 1885 – Aqui Terme 1953) è arrivata al Museo Bailo. Ad accoglierla il sindaco di Treviso Giovanni Manildo e l’assessore ai beni culturali del Comune di Treviso Luciano Franchin e il dirigente del settore Emilio Lippi. Il trasporto dell'opera è stato gentilmente offerto dal gruppo Ma - co Italia. La scultura, in gesso, è uno dei pezzi dell'"Omaggio al Bailo": l'esposizione di dieci significative opere dell'arte italiana del Novecento, prestate da altrettanti importanti raccolte pubbliche e private, promossa per celebrare la riapertura, dopo lunghi anni di chiusura ed un innovativo restauro, del museo civico trevigiano. La rassegna, che sarà visitabile fino al 5 giugno, è il primo passo del progetto per creare un costante dialogo tra Treviso e le sue collezioni otto e novecentesce e le altre analoghe istituzioni italiane ed europee.