Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e universitÓ coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per la prima volta si voterÓ in base alle azioni possedute

VENETO BANCA ELEGGE IL NUOVO CDA

Assemblea dei soci dell'ex popolare a Marghera


MONTEBELLUNA - Veneto Banca celebra la sua prima assemblea come società per azioni. Gli 88mila soci del gruppo bancario montebellunese sono convocati al Pala ExpoVenice di Marghera (inizio ufficiale fissato alle 10). Sarà la prima volta di una riunione sociale al di fuori del territorio storico di nascita dell'istituto: in precedenza le assise si erano sempre svolte a Montebelluna o, negli ultimi anni, a villa Loredan Gasparin di Venegazzù. E a differenza del passato, l'assemblea non è stata programmata di sabato, ma in un giorno feriale, giovedì: due fattori, a detta di molti, che contribuiranno a non far raggiungere i livelli di partecipazione delle scorse adunanze. Per essere valida, comunque, in assemblea devono essere presenti, di persona o per delega, che rappresentino almeno metà del capitale sociale.

ODG - Quattro i punti all'ordine del giorno: l'approvazione del bilancio (in perdita per 882 milioni di euro); l'elezione del cda, con anche la determinazione del numero dei suoi componenti: da 11 (come attualmente e come proposto dai vertici uscenti) a 15; le politiche di remunerazione ed incentivazione; l'aggiornamento sulla possibile azione di responsabilità nei confronti dei vecchi amministratori.

NUOVO CDA - L'argomento principale sarà, senza dubbio, il rinnovo del consiglio di amministrazione, come testimoniano le polemiche tra gli schieramenti dei candidati delle ultime settimane. Due le liste in corsa: una presentata dal cda uscente, con cinque riconfermati a partire dal presidente Pierluigi Bolla e dall'amministratore delegato Cristiano Carrus, l'altra avanzata dalle due maggiori associazioni dei soci, Per Veneto Banca e Associazione Azionisti e capeggiata dall'avvocato e professore universitario torinese Stefano Ambrosini. Si voterà la lista: quella che raccoglierà la maggioranza dei consensi, eleggerà tanti consiglieri quanti sono i componenti del cda. Tranne uno o due posti, riservati alla lista di minoranza, a seconda che questa ottenga fino al 25% dei voti o una percentuale superiore.

NOVITA' - La trasformazione in spa porta una grossa novità: rispetto alla cooperativa, non vale più il voto capitario, secondo il principio "una testa un voto", indipendentemente dalle azioni possedute, ma si peserà il pacchetto azionario. In sostanza ogni socio esprimerà un voto per ogni titolo detenuto.
La nuova forma societaria comporta anche altre innovazioni tecniche: per partecipare all'assemblea non è più necessario essere iscritti nel libro soci da almeno 90 giorni. Ed è cambiata anche la disciplina delle deleghe: potrà essere delegato anche un non azionista, purchè non sia amministratore o dipendente del gruppo. Ogni delegato potrà rapprresentare al massimo duecento soci.