Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ma fino al 25 luglio si lavora per il Fisco e nel 2016 servirà un giorno in più

IMPRESE TREVIGIANE TRA LE MENO TARTASSATE D'ITALIA

Studio della Cna, le imposte più pesanti a Reggio Calabria


TREVISO - Treviso è uno dei comuni italiani in cui le imprese pagano messo tasse. Lo dice il Rapporto 2016 “Comune che vai fisco che trovi” dell’Osservatorio nazionale CNA sulla tassazione della piccola impresa, che ha preso in esame 124 tra capoluoghi di regione e di provincia.
I dati raccolti e analizzati nel corposo studio della CNA smentiscono il pensiero corrente secondo il quale i veneti sono tra più tartassati d’Italia. In vetta alla classifica c’è infatti Reggio Calabria (seguita da Bologna e Roma) con un Total Tax Rate, l'indice che misura il peso complessivo del fisco, pari al 73,2% nel 2015. Tra i dieci comuni con il valore più basso ce ne sono sono addirittura due veneti: Vicenza e Belluno.
Treviso invece si colloca al 13º posto tra le aree più virtuose, con un indice del 56,7% ben al di sotto della media nazionale, attestata al 60,9%
Rispetto ai colleghi calabresi che hanno lavorato per pagare le tasse fino al 23 settembre, artigiani e imprenditori trevigiani l’anno scorso hanno lavorato “solo” fino al 25 luglio (la media nazionale è il 9 agosto).
«Il 2015 è stato l’anno in cui il Total Tax Rate sulle piccole e medie imprese è sceso di ben 3 punti percentuali rispetto al 2014 grazie principalmente al riconoscimento della deducibilità completa del costo dei lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato dell’Irap – spiega Giuliano Rosolen, direttore della CNA provinciale di Treviso -. La strada da percorrere è sicuramente continuare verso una sensibile riduzione della pressione fiscale locale sul reddito delle imprese e accelerare l’entrata in funzione dei costi standard. Allo stesso tempo occorre anche agire sulla tassazione erariale, che pesa per il 70% della tassazione totale (quella comunale pesa per il 20% e quella regionale per il 10%, ndr)».
Anche perché, le proiezioni sul 2016 danno la tassazione in aumento dello 0,1%, per effetto dell’aumento programmato di aliquote e contribuzioni previdenziali. Per Treviso, l’incremento dovrebbe portare il Total Tax Rate a 56,8% e a spostare in avanti di un giorno, dal 25 al 26 luglio, il Free Tax Day, l’ultimo giorno necessario al piccolo imprenditore o artigiano per assolvere agli oneri fiscali, dopo il quale può cominciare a produrre redditività per sé e per la propria famiglia. Ridurre la pressione fiscale sulle imprese, che rimane tra le più alte d’Europa (19,4 punti in più della media europea), deve pertanto rimanere una priorità sia per lo stato che per gli enti locali. La Cne ha formulato 10 proposte, a cominciare dal rendere l’Imu sugli immobili strumentali completamente deducibile dal reddito d’impresa.

Galleria fotograficaGalleria fotografica