Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I sindacati: "Un ricatto, si può richiedere la cigs"

LA VALMAN ANNUNCIA IL TAGLIO DI METÀ DIPENDENTI

La tessitura di Trevignano vuole licenziare 14 addetti o chiuderà


TREVIGNANO - Quattordici licenziamenti incentivati da 6.000 euro lordi per evitare la chiusura. Prendere o lasciare. È questa la proposta “irricevibile” avanzata dalla direzione aziendale della storica tessitura Valman di Trevignano alle organizzazioni sindacali. Nei giorni scorsi i sindacati hanno spiegato la situazione ai lavoratori nel corso di un'assemblea i dipendenti, in tutto una trentina, hanno espresso all’unanimità la totale contrarietà alla proposta e alla possibilità di fare un accordo di mobilità immediata.
"Non ci è mai capitato in tanti anni di lavoro- affermano Gianni Boato della Femca Cisl Belluno Treviso ed Enrico Antico della Uiltec Belluno Treviso - di essere messi in una condizione di ricatto come in questa vicenda: dire che o si accetta un accordo per il licenziamento immediato di 14 persone con 6.000 euro di incentivo o si chiude è un atteggiamento irresponsabile nei confronti dei dipendenti, delle loro famiglie e del territorio e per questo informeremo anche il sindaco di Trevignano della vicenda”. Per i sindacalisti ci sono tutte le condizioni per richiedere una cassa integrazione straordinaria al ministero. In questo, modo i lavoratori beneficerebbero dell'ammortizzatore fino al 2017, quando, se dovessero essere licenziati, potrebbero contare tutti su almeno 24 mesi di Naspi, la nuova indennità di disoccupazione, ricevendo un sussidio fino al 2019. Con il licenziamento immediato proposto dall'azienda invece, lavoratori under 50 potranno godere di un anno di mobilità, mentre quelli gli over 50 avranno diritto a 18 mesi".
Se l’azienda, come atto unilaterale, aprirà la procedura di mobilità, Femca Cisl e Uiltec porteranno al tavolo provinciale le motivazioni per una richiesta di apertura di crisi aziendale al ministero del Lavoro. “Informeremo anche il Sindaco di Trevignano - concludono i sindacalisti - perchè in azienda molti dipendenti hanno un età importante, ma non ancora sufficiente per raggiungere i requisiti per il pensionamento e non si può non valutare la ricaduta sociale delle scelte aziendali: con la nostra proposta molti lavoratori potrebbero contare su un periodo di 2 anni di ammortizzatori in più".