Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/173: U.S. OPEN TRA SORPRESE E MONTEPREMI RECORD

Vince Brooks Koepka, dopo un'ecatombe di big


ERIN (USA) - È partito il 15 giugno dal Wisconsin, il secondo major della stagione, il più importante, l’US Open. Si è giocato sul tracciato dell’“Erin Hills”, un campo straordinario, e un ricchissimo montepremi, 12 milioni di dollari, il più alto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/172: RENATO PARATORE NUOVA STELLA DEL GOLF ITALIANO

Il ventenne coglie il successo al Nordea Masters.


BARSEBACK - Una nuova stella si è affacciata sul firmamento del Golf italiano. Si chiama Renato Paratore; è romano, ventenne, ma ha ormai testimoniato grande talento, e un’incredibile maturità. Incisivo e determinato come un vero Campione, ha colto il successo di questa...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/171: IL TORNEO AIGG ARRIVA IN VENETO

Settima e ottava tappa a Ca' della Nave e al Montecchia


MARTELLAGO/SELVAZZANO DENTRO - Dopo i Campi romani, dopo la Felsinea, dopo la Toscana, toccava al Veneto ospitare, l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti, nel suo tour nazionale. Lo ha fatto accogliendo nei suoi bei Campi i giornalisti, all’avvio nel “girone di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I sindacati: "Un ricatto, si può richiedere la cigs"

LA VALMAN ANNUNCIA IL TAGLIO DI METÀ DIPENDENTI

La tessitura di Trevignano vuole licenziare 14 addetti o chiuderà


TREVIGNANO - Quattordici licenziamenti incentivati da 6.000 euro lordi per evitare la chiusura. Prendere o lasciare. È questa la proposta “irricevibile” avanzata dalla direzione aziendale della storica tessitura Valman di Trevignano alle organizzazioni sindacali. Nei giorni scorsi i sindacati hanno spiegato la situazione ai lavoratori nel corso di un'assemblea i dipendenti, in tutto una trentina, hanno espresso all’unanimità la totale contrarietà alla proposta e alla possibilità di fare un accordo di mobilità immediata.
"Non ci è mai capitato in tanti anni di lavoro- affermano Gianni Boato della Femca Cisl Belluno Treviso ed Enrico Antico della Uiltec Belluno Treviso - di essere messi in una condizione di ricatto come in questa vicenda: dire che o si accetta un accordo per il licenziamento immediato di 14 persone con 6.000 euro di incentivo o si chiude è un atteggiamento irresponsabile nei confronti dei dipendenti, delle loro famiglie e del territorio e per questo informeremo anche il sindaco di Trevignano della vicenda”. Per i sindacalisti ci sono tutte le condizioni per richiedere una cassa integrazione straordinaria al ministero. In questo, modo i lavoratori beneficerebbero dell'ammortizzatore fino al 2017, quando, se dovessero essere licenziati, potrebbero contare tutti su almeno 24 mesi di Naspi, la nuova indennità di disoccupazione, ricevendo un sussidio fino al 2019. Con il licenziamento immediato proposto dall'azienda invece, lavoratori under 50 potranno godere di un anno di mobilità, mentre quelli gli over 50 avranno diritto a 18 mesi".
Se l’azienda, come atto unilaterale, aprirà la procedura di mobilità, Femca Cisl e Uiltec porteranno al tavolo provinciale le motivazioni per una richiesta di apertura di crisi aziendale al ministero del Lavoro. “Informeremo anche il Sindaco di Trevignano - concludono i sindacalisti - perchè in azienda molti dipendenti hanno un età importante, ma non ancora sufficiente per raggiungere i requisiti per il pensionamento e non si può non valutare la ricaduta sociale delle scelte aziendali: con la nostra proposta molti lavoratori potrebbero contare su un periodo di 2 anni di ammortizzatori in più".