Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/161: AL VIA IL PRIMO PROGETTO DI LAVORO LEGATO ALLA RYDER CUP 2022

Studenti e università coinvolte per aumentare i praticanti


ROMA - Nell’ottica di sviluppare una maggior diffusione di questo sport in Italia, rendendolo sempre più popolare e accessibile, il Golf è diventato materia di studio. Gian Paolo Montali, Direttore Generale del Progetto Ryder Cup 2022, nella sala Auditorium del Palazzo delle...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/160: MATTEO MANASSERO IN LUCE NELL'INDIAN OPEN

A New Delhi trionfa l'idolo di casa Chawrasia


NEW  DELHI - Siamo ancora nelle maglie dell’Asia, bisogna attendere maggio perché il Tour Europeo che continua il suo peregrinare lontano dall’Europa, approdi nel vecchio continente. Ora, dal 9 al 12 marzo si gioca Hero Indian Open, organizzato in collaborazione con Asian...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/159: INQUIETUDINI SULLA RYDER CUP A ROMA

Il prestigioso torneo in Italia nel 2022, ma manca la fidejussione


ROMA - La più prestigiosa competizione internazionale di golf, la Ryder Cup, di cui l’Italia si è aggiudicata la candidatura per il 2022, subisce qualche tentennamento. Il 14 dicembre 2015 la FIG era riuscita a far attribuire all’Italia il diritto di essere Paese...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'appello dell'associazione: "Cerchiamo persione che ci aiutino"

ALLARME ROSSO NELLA MARCA PER I GATTINI ABBANDONATI

In una settimana 22 ritrovamenti, l'Enpa accudisce 102 bestiole


TREVISO - Non conosce crisi l'abbandono degli animali. E se, fortunatamente, il fenomeno riguardo ai cani è in leggera flessione, è sempre più allarme rosso per i gatti, spesso intere cucciolate appena nate, di cui padroni incivili tendono di disfarsi lasciandoli in mezzo ai campi, a bordo strada o addirittura gettandoli nei bidoni dell'immondizia.
Alla Protezione animali trevigiana la prima chiamata è giunta il 19 marzo da Parè di Conegliano, dove una gatta ha partorito i suoi cuccioli sotto una siepe. Da allora i ritrovamenti sono stati quotidiani. Solo nell'ultima settimana sono stati 22: lunedì quattro gattini a Silea, martedì una mamma e quattro piccoli a Sarano, mercoledì tre micetti a Montaner di Sarmede, giovedì due cucciolate di dieci gattini sono state trovate dentro un sacchetto da una signora mentre passeggiava lungo l’argine del Piave a Falzè di Piave.
Attualmente, l’Enpa di Treviso sta accudendo dieci mamme gatte e ben 92 cuccioli. In questa delicata fase della loro vita, spiega il presidente Adriano De Stefano, i gattini non possono essere accolti in gattile, per una questione sanitaria e soprattutto perché, quelli senza la mamma, devono essere allattati ogni 4/5 ore per cui necessita uno stallo casalingo almeno finché non saranno in grado di mangiare da soli.
L’associazione ha ormai esaurito le proprie capacità di "accoglienza" e lancia un appello alla cittadinanza affinché chi può si renda disponibile per il tempo strettamente necessario per affrontare l'emergenza. Basta una stanzetta, un bagno, una taverna/lavanderia, se sono piccoli anche una bacinella per il bucato – spiegano i responsabili dell'ente - per poter tenere i micetti in casa ed allattarli. I volontari sono disponibili a formare con le nozioni base e ad assistere, fornendo anche tutto il materiale necessario, chiunque si offra d’aiutarli.
L’Enpa lo scorso anno ha recuperato e affidato 624 gatti: sommati a quelli degli anni precedenti, superano le 4mila unità. Una volta abbandonati, i gattini hanno scarsissime speranze di sopravvivenza: solo pochissimi fortunati vengono raccolti da persone di buon cuore, la maggioranza è destinata a morire di stenti, predata da volpi e tassi, divorata viva dalle larve di mosca. La Protezione animali consiglia, a chi non voglia più tenere i cuccioli, di lasciarli con la madre almeno fino ai due mesi di vita e, nel frattempo, prendere contatto con i volontari. Questi provvederanno ad affidare i piccoli e contribuiranno alla sterilizzare la gatta.