Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/165: TWENTY DOUBLE CUP, LA RYDER VENETA

Tra sport e goliardia, i "Rossi" si aggiudicano la seconda edizione della gara


VENEZIA - Una competizione speciale, festosa, trascinante! Due gruppi di amici, abituati a sfottersi goliardicamente quando giocano a Golf, dopo una partita a Jesolo lo scorso anno, hanno avuto l’idea di provar a cimentarsi in gara a squadre, al fine che le rispettive derisioni trovassero...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/164: THE MASTERS , SERGIO GARCIA ╚ IL MIGLIORE DEI "MAESTRI"

Nel prestigioso major di Augusta, primo trionfo dello spagnolo


AUGUSTA (USA) - Siamo al primo dei quattro tornei stagionali di maggior spicco nella stagione golfistica maschile: i 4 Majors. Il Masters è torneo dal fascino antico, il più rilevante; dal 6 al 9 aprile se ne gioca l’edizione 81, sulle consuete 72 buche. È infatti l'unico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/163: IL CHALLENGE AIGG DIAVOLINA 2017 PRENDE IL VIA DAL MARCO SIMONE

L'ospitalitÓ di Laura Biagiotti e della figlia Lavinia per l'esordio del circuito dei giornalisti golfisti


ROMA - Come ogni anno, ha tappe importanti il challenge AIGG Diavolina. Questa laziale ne è il debutto, nella consueta due giorni romana, sicuramente considerevole. Oggi siamo al “Marco Simone” a Roma, proseguirà domani al “Terre dei Consoli” nel viterbese, per successivamente far tappa al “Bologna” e a “Le Fonti” in Emilia Romagna, a “Punta Ala” e “Terme di Saturnia” in Toscana, a “Cà della Nave” e “Montecchia” in Veneto, al “Colline del Gavi” e “Villa Carolina” in Piemonte, e a “Bergamo” e “Villa d’Este” in Lombardia. Oltre a questo giro d’Italia, c’è l’Alpen Cup in tre tappe nei GC di Asiago,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'appello dell'associazione: "Cerchiamo persione che ci aiutino"

ALLARME ROSSO NELLA MARCA PER I GATTINI ABBANDONATI

In una settimana 22 ritrovamenti, l'Enpa accudisce 102 bestiole


TREVISO - Non conosce crisi l'abbandono degli animali. E se, fortunatamente, il fenomeno riguardo ai cani è in leggera flessione, è sempre più allarme rosso per i gatti, spesso intere cucciolate appena nate, di cui padroni incivili tendono di disfarsi lasciandoli in mezzo ai campi, a bordo strada o addirittura gettandoli nei bidoni dell'immondizia.
Alla Protezione animali trevigiana la prima chiamata è giunta il 19 marzo da Parè di Conegliano, dove una gatta ha partorito i suoi cuccioli sotto una siepe. Da allora i ritrovamenti sono stati quotidiani. Solo nell'ultima settimana sono stati 22: lunedì quattro gattini a Silea, martedì una mamma e quattro piccoli a Sarano, mercoledì tre micetti a Montaner di Sarmede, giovedì due cucciolate di dieci gattini sono state trovate dentro un sacchetto da una signora mentre passeggiava lungo l’argine del Piave a Falzè di Piave.
Attualmente, l’Enpa di Treviso sta accudendo dieci mamme gatte e ben 92 cuccioli. In questa delicata fase della loro vita, spiega il presidente Adriano De Stefano, i gattini non possono essere accolti in gattile, per una questione sanitaria e soprattutto perché, quelli senza la mamma, devono essere allattati ogni 4/5 ore per cui necessita uno stallo casalingo almeno finché non saranno in grado di mangiare da soli.
L’associazione ha ormai esaurito le proprie capacità di "accoglienza" e lancia un appello alla cittadinanza affinché chi può si renda disponibile per il tempo strettamente necessario per affrontare l'emergenza. Basta una stanzetta, un bagno, una taverna/lavanderia, se sono piccoli anche una bacinella per il bucato – spiegano i responsabili dell'ente - per poter tenere i micetti in casa ed allattarli. I volontari sono disponibili a formare con le nozioni base e ad assistere, fornendo anche tutto il materiale necessario, chiunque si offra d’aiutarli.
L’Enpa lo scorso anno ha recuperato e affidato 624 gatti: sommati a quelli degli anni precedenti, superano le 4mila unità. Una volta abbandonati, i gattini hanno scarsissime speranze di sopravvivenza: solo pochissimi fortunati vengono raccolti da persone di buon cuore, la maggioranza è destinata a morire di stenti, predata da volpi e tassi, divorata viva dalle larve di mosca. La Protezione animali consiglia, a chi non voglia più tenere i cuccioli, di lasciarli con la madre almeno fino ai due mesi di vita e, nel frattempo, prendere contatto con i volontari. Questi provvederanno ad affidare i piccoli e contribuiranno alla sterilizzare la gatta.