Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Giovedì 12 maggio ore 20.45 al Teatro Eden di Treviso

IN VIAGGIO, LO SPETTACOLO RACCONTA I BAMBINI INVISIBILI

Il portavoce di Unicef Italia Andrea Iacomini racconta luoghi, viaggi persone


TREVISO - Dopo il successo di Milano e Roma, fa tappa a Treviso “IN VIAGGIO (verso il giorno dopo)”, lo spettacolo teatrale del portavoce di Unicef Italia Andrea Iacomini, che porta in scena al Teatro Eden, il 12 maggio alle ore 20.45, il racconto in prima persona dei viaggi, luoghi, donne, uomini e soprattutto bambini incontrati in Sierra Leone, Giordania, Iraq, Kurdistan e Libano.

L’evento, organizzato dall’Associazione ArtAttiva in collaborazione con il Sindacato dei Giornalisti del Veneto, Articolo 21, Progetti Educativi e Unicef Italia, oltre a godere del Patrocinio del Comune di Treviso, è sostenuto da una rete di mamme imprenditrici del Nordest, attive sui mercati internazionali con i loro prodotti e per questo doppiamente sensibili al tema. Ci saranno anche loro a fianco dei promotori dell’iniziativa, magari con i loro figli, per testimoniare le difficoltà di un mestiere.

“Dopo aver girato l’Italia – dichiara il portavoce - per raccontare guerre e violenze dimenticate e oggi clamorosamente tornate alla ribalta, come il conflitto in Siria che dura da 5 anni, ho deciso di raccontare a teatro le storie di tanti bambini spesso invisibili.
È una nuova sfida culturale che scommette sul teatro come forma di comunicazione diretta e di divulgazione su vicende spesso dimenticate dai mezzi di comunicazione. Un invito a riflettere su temi scomodi, considerati distanti e troppo spesso  poco conosciuti nella loro complessità”.

Galleria fotograficaGalleria fotografica