Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/178: LIGNANO OPEN, IL 6° APPUNTAMENTO DELL'ITALIAN PRO TOUR 2017

Primo l'austriaco Markus Habeler con 200 colpi, 16 sotto Par


LIGNANO - È tornata al Golf Club Lignano questo importante appuntamento. Anticipato mercoledì 19 luglio da una speciale Pro Am, ha preso il via in grande stile sul tracciato friulano, il Lignano Open, sesto torneo dell’Italian Pro Tour 2017; fa parte del circuito di gare...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/177: I GIORNALISTI GOLFISTI SONO SALITI IN MONTAGNA

Ad Asiago, Petersberg e St. Vigil l'"Alps tour" dell'Aigg


TREVISO - Per il secondo anno consecutivo, con l’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti ci siamo concessi un trio di gare di montagna su mete belle e impegnative, in Veneto e in Alto Adige: il Golf Asiago nell’altipiano dei Sette Comuni, il Petersberg a Monte San Pietro - Nova...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/176: IN PORTOGALLO IL CAMPIONATO EUROPEO DI GOLF PARALIMPICO

Tra i protagonisti azzurri anche Pietro Andrini di Ca' della Nave


QUINTA DO LAGO - È talvolta impressionante pensare a dove può arrivare l’essere umano con la propria volontà. Persone portatrici di gravissimi handicap, come la cecità, che riescono a praticare determinate discipline sportive, financo lo sci. In questo caso...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ideintificati grazie alle telecamere di sorveglianza e arrestati dai Carabiinieri

IMPRESA FAMILIARE PER RAPINARE SALE SLOT

Padre e figlio autori dei colpi a due locali di Conegliano


CONEGLIANO - Era quel che si dice un'impresa familiare. Peccato fosse anche criminale. Padre e figlio, infatti, rapinavano sale giochi. Il primo F. B., 53 anni, di origini calabresi e con precedenti penali alle spalle e residente in un casolare isolato a Cappella Maggiore, F.B., e il secondo, A. B. 22enne, che abita a San Vendemiano con la madre e di professione fa l'operaio, sono stati arrestati dai carabinieri di Conegliano. L'accusa a loro carico è di essere gli autori delle rapine compiute nell'aprile scorso ai danni delle sale slot “Admiral” e “Las Vegas”, nel comune coneglianese. Gli investigatori, che non a caso hanno battezzato l'operazione “Robber and son” (Rapinatore e figlio) sono giunti a loro grazie alle immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona.
A mettere a segno il primo colpo era stato il solo genitore, mentre al secondo episodio aveva partecipato anche il figlio. Le modalità d'azione erano sempre le stesse: i rapinatori attendevano fino a notte, quando tutti gli altri clienti se ne erano andati, poi si facevano consegnare l'incasso, sotto la minaccia di una pistola giocattolo. Nel primo caso avevano così sottratto circa 1.100 euro, nel secondo 700 euro.
Oltre a quelli dei locali, i due sono stati incastrati anche dai filmati delle telecamere a circuito chiuso di un vicino supermercato: nei fotogrammi si riconoscono chiaramente padre e figlio, sia durante i sopralluoghi, sia durante la notte incriminata, e compare anche l'auto usata, una Hyunday, di proprietà del più giovane. In casa del 53enne, poi, i militari hanno trovato anche la pistola da softair e alcuni indumenti utilizzati per camuffarsi. I due ora sono agli arresti domiciliari, con il braccialetto elettronico.