Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sarà a Treviso ad ottobre dopo la fine del campionato Itm

BENETTON RUGBY: ECCO MARTY BANKS

L'apertura neozelandese primo acquisto per il 2016-17


TREVISO - Primo nuovo acquisto ufficiale per il 2016-17 del Benetton Rugby: è il mediano di apertura neozelandese Marty Banks
Proviene dagli Highlanders, franchigia che rappresenta le regioni di Otago e Southland (nell'Isola meridionale del paese kiwi) nel Super Rugby, il massimo campionato dell'emisfero australe. Nato a Greymouth (Nuova Zelanda), il 19 settembre 1989, pesa 92 chilogrammi ed è alto 188 cm. Mediano di apertura versatile in grado di ricoprire i diversi ruoli della linea dei trequarti, ha tra le sue caratteristiche principali la rapidità nei movimenti, l’abilità nei passaggi ed il gioco al piede, quest’ultima confermata dalle alte percentuali realizzative.
La carriera rugbistica di Banks, comincia a Takapuna per poi trasferirsi nel 2011 al Krasny Yar, titolato club russo che partecipa alla Professional Rugby League, in cui milita una sola stagione prima di tornare in Nuova Zelanda, tra le file dei Buller una delle squadre che compone la franchigia dei Crusaders.
Nel 2013 fa il suo debutto con i Tasman, con i quali ha giocato le ultimi tre ITM Cup e dei quali è il miglior marcatore della storia con 476 punti messi a segno. Le sue prestazioni convincenti gli permettono di approdare nel Super Rugby firmando per gli Hurricanes. Infine nel 2014 è passato agli Highlanders, con i quali è campione in carica avendo vinto il titolo lo scorso luglio, battendo proprio la sua ex squadra, suo il drop decisivo che al 77’ ha allungato le distanze in maniera significativa, spegnendo di fatto le speranze della franchigia di Wellington.
Banks, al momento impegnato in Super Rugby, arriverà a Treviso ad ottobre subito dopo la fine del campionato nazionale neozelandese, ITM Cup, al quale prenderà parte. Queste le sue prime dichiarazioni: “Quando ho sentito che Treviso era interessata ad avermi è stato veramente emozionante, mi hanno subito fatto sentir parte del progetto del club. Non vedo l'ora di arrivare per poter cominciare la mia nuova avventura sportiva. Mi sto preparando al meglio affinché il mio impatto possa essere veramente positivo, così da aiutare la squadra a raggiungere i propri obiettivi”.
Il direttore sportivo Antonio Pavanello ha affermato: “Il reparto dei trequarti, in particolare quello dei mediani di apertura, era quello che necessitava dell’intervento più importante. Con Banks, atleta che Crowley conosce bene, ufficializziamo una delle pedine candidata a vestire la maglia numero 10. A convincerci sono state le sue qualità, su tutte il suo calcio, che ci permetterà di gestire momenti cruciali delle partite, soprattutto in circostanze in cui il gioco al piede risulterà ancor più necessario”.