Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni promuove un incontro tra i soci in un Campo da Golf, con l’intento di far chiarezza su qualcosa di particolare emerso nella stagione. Puntualizzare,e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/144: A DUBAI IL DP WORLD TOUR CHAMPIONSHIP

Vince l'inglese Fitspatrick, ad Henrik Stenson la Race to Dubai


DUBAI - Avevamo lasciato i nostri azzurri sull’European Tour al termine del Turkish Airlines Open, con la speranza che Manassero e Paratore conquistassero in Sud Africa la carta per giocare a Dubai. Paratore ce l’ha fatta, e son contento. Manassero no, e mi dispiace. Restano quindi a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A Valdobbiadene successo per la mostra con immagini e profumi

LE COLLINE DELL'ALTA MARCA SEMPRE PIÙ PROSECCOSHIRE

Prosegue il cammino verso il riconoscimento Unesco


VALDOBBIADENE - Un percorso sensoriale (immagini, suoni e profumi) alla scoperta del paesaggio del Conegliano Valdobbiadene Docg candidato a diventare Patrimonio dell’Umanità. Sta avendo un notevole successo la mostra inaugurata a Villa dei Cedri sul territorio del Prosecco superiore: una rassegna sperimentale, con 34 riproduzioni di grande formato, ma anche quattro profumazioni dei terroir delle colline patria del celeberrimo vino.
"Siamo lieti di sostenere e promuovere questo progetto, che mira a coinvolgere la comunità, i visitatori, le scuole attorno al valore del nostro paesaggio, candidato a diventare patrimonio Unesco - spiega il sindaco di Valdobbiadene, Luciano Fregonese - il percorso che porterà alla candidatura è oramai tracciato. Tra le azioni c'è proprio quella di coinvolgere la cittadinanza sul tema della consapevolezza e con questa iniziativa contiamo di ottenere un ottimo risultato. Un ringraziamento particolare va all’assessore Martina Bertelle per l’ottimo lavoro organizzativo e di coordinamento svolto".
Prima dell'inaugurazione della mostra, venerdì scorso, sempre in Villa dei cedri, si è tenuta una riunione che ha coinvolto i primi cittadini del territorio del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg. Con loro i funzionari della Regione del Veneto hanno condividso il percorso a tappe che condurrà alla condidatura Unesco ufficiale.
Nel corso dell’inaugurazione si è svolta anche la premiazione dei vincitori della quinta edizione del concorso fotografico “Scatta la primavera del prosecco superiore 2015”. L’occasione è stata colta dall’onorevole Franco Conte che ha preso le difese delle Pro Loco, portando loro solidarietà e sottolineando l’importanza dell’azione che queste associazioni promuovono in maniera completamente gratuita. "È grazie a queste realtà collettive – chiarisce il Senatore Conte - che si possono portare avanti numerosi progetti di valorizzazione del territorio, come Primavera del Prosecco". E
Attraverso la mostra "Terre di Prosecco Conegliano Valdobbiadene candidate a diventare patrimonio Unesco" il paesaggio vive nelle sale di Villa dei Cedri, ex opificio di origine ottocentesca, circondata da un vasto parco aperto al pubblico, all'interno del quale si trova un'area giochi per bambini.
All'interno, al secondo piano, le visuali più suggestive, riprodotte in grande formato, frutto di anni di lavoro del fotografo paesaggista Francesco Galifi. Immagini che dialogano con 4 profumazioni del terroir del Prosecco Superiore (15 Comuni peraltro dichiarati nel 2016 Città europea del vino) ispirate a diversi momenti temporali (mattino, sera, primavera-estate, autunno-inverno). Le profumazioni sono state realizzate dal profumiere Roberto Dario in accordo con Euroisa (l'Istituto Europeo di Analisi Sensoriale, il primo del sistema Confindustriale).
"La scelta dei grandi formati vuole invitare il visitatore all'immersione nel paesaggio, quel paesaggio che spesso guardiamo in modo distratto o che al turista appare solo in modo parziale, qui svelato in tutta la sua “rotondità”, nelle 24 ore e nelle 4 stagioni, momenti che il percorso sensoriale fa rivivere appieno mettendo in discussione la percezione sin qui maturata della persona rispetto al paesaggio - spiega Sara D'Altoé, co-curatrice della mostra - Tutta la mostra si svolge su due livelli, quello oggettivo, dell'andamento temporale degli eventi climatici, della stagionalità, della vita. E quello introspettivo, del rapporto tra uomo e natura, alla base delle dinamiche che hanno reso così inconfondibile il nostro paesaggio culturale, tale da meritare il riconoscimento UNESCO".
Il progetto è complesso e si svilupperà in 2 fasi: Nella sua prima fase (maggio, giugno) sarà dedicata a visitatori e turisti, con eventi dedicati tra i quali la presentazione del nuovo catalogo; la seconda fase (settembre-dicembre) sarà dedicata alle scuole, che si dedicheranno ai laboratori tattili e alle visite guidate. Queste attività, in particolare, saranno realizzate da un gruppo di lavoro composto dagli studenti del Istituto Turistico Verdi di Valdobbiadene, dallo IAT ufficio info turistiche di Valdobbiadene (accoglienza e informazioni) e dall'Associazione la Mucca Gialla (laboratori tattili).
Anche l'Istituto professionale di ristorazione "P. Berton"ospitato a Villa dei Cedri parteciperà al progetto di ricerca elaborando i piatti del paesaggio Prosecco Shire.
Il progetto, promosso dall'Osservatorio per il Paesaggio delle Colline dell'Alta Marca e dal Comune di Valdobbiadene, vede il sostegno dell'IPA Terre Alte della Marca Trevigiana, di Asco Holding, dalla Confraternita di Valdobbiadene e di Savno, che nello specifico è partner del progetto educational.
Il percorso sensoriale vede la collaborazione di un gruppo di lavoro che coinvolge il fotografo paesaggista Francesco Galifi, il profumiere Roberto Dario, gli architetti Sara D'Altoé e Gianpaolo Bortolin, l'enologo Emanuele Serafin, la musicista Anna Carlet ed il pubblicista Marco Ceotto, oltre Martina Peloso, Cinzia Tardivel, Chiara Maria Moretti, operatrici didattiche de la Mucca Gialla e referenti dell'attività didattica.
La mostra sensoriale, dopo essere stata ospitata a Palazzo Sarcinelli a Conegliano (2015) e a Villa Brandolini a Pieve di Soligo (2015), ed ora a Villa dei Cedri di Valdobbiadene (2016), sarà poi trasferita a Vittorio Veneto (2017) e così di seguito sarà itinerante nel territorio candidato, per poi approdare ad una sede definitiva che sarà quella del museo permanente del paesaggio a cui i Comuni stanno lavorando in questo periodo.