Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/204: TERZO "RITORNO" PER TIGER WOODS

Al Genesis Open non passa il taglio, vince Bubba Watson


TREVISO - È il terzo riscontro alla ripresa di Tiger Woods, forse il decisivo, dopo la lunga assenza seguita ai due interventi chirurgici. Il Genesis Open, torneo del PGA Tour, si disputa sul percorso del Riviera CC, a Pacific Palisades in California. Lo ha combattuto undici volte senza mai...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Ambrosini a Francoforte per il primo confronto con la Bce

BRUNO ZAGO, NUOVO LEADER DEI "GRANDI SOCI" DI VB

L'imprenditore: "Evitare la svendita ad Atlante"


PADOVA -  È Bruno Zago, patron del gruppo cartario Pro-Gest di Istrana, il nuovo presidente dell'associazione Per Veneto Banca, i cosiddetti "grandi soci", una delle associazioni che hanno sostenuta la lista vittoriosa nell'ultima assemblea dell'istituto montebellunese. È stato designato oggi nel corso di un'assemblea, a Padova, e sostituisce Matteo Cavalcante, entrato nel consiglio di amministrazione della banca.
"Ora che siamo riusciti a cambiare il Cda - ha detto Zago - la sfida che ci attende è quella di raccogliere il 25% di capitale dal 15% che già deteniamo, per permetterci di essere quotati". "Vogliamo a tutti i costi evitare, come accaduto a Vicenza, che la banca si trovi nelle condizioni di essere svenduta ad un Fondo e speriamo - ha concluso l'imprenditore trevigiano - che la Bce ci consenta di avere qualche settimana in più rispetto al momento indicativo della quotazione, in giugno, per poter aggregare il nuovo patrimonio".
Oltre a Zago sono stati eletti il vicepresidente Gianandrea Todesco, e i consiglieri Loris Tosi, Francesco Celentano, Giorgio Batacchi, Fulvio Zanatta, Giannantonio Parolini, Angelo Cirillo, il segretario generale Maria Elena Buffon ed i probiviri, Antonio Viotto, Carlo Rossi Chauvenet, e Francesco Candiani.
Intanto, i nuovi vertici di Veneto Banca hanno incontrato i rappresentanti della Bce. Il presidente Stefano Ambrosini, accompagnato dal direttore generale Cristiano Carrus e dalla presidente del Comitato esecutivo, Carlotta De Franceschi si è recato a Francoforte. Un incontro finalizzato a presentare la nuova governance dell’istituto e ad aggiornare l’Autorità di Vigilanza sul processo in atto e sui suoi imminenti sviluppi. "Nel consueto spirito di trasparenza e collaborazione - si legge in una nota -, il presidente ha comunicato che sottoporrà al consiglio di amministrazione di lunedì 16 maggio la conferma del Progetto Serenissima nelle sue linee portanti.