Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La rubrica dedicata al mondo golfistico curata da Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/119: ARBITRI, ASSOCIAZIONE IN CRESCITA

L'Aiag ha tenuto la sua assemblea a Modena


TREVISO - L’Aiag - Associazione Italiana Arbitri Golf ha tenuto la sua assemblea il 7 maggio, in quel bel luogo che è Golf Club Modena.  Costituita nel dicembre del 2013, associa a oggi 160 arbitri di golf italiani. Un trend di nuovi associati in crescita, che evidenzia l’importanza di Aiag nel panorama golfistico italiano.

Il presidente Roberto Ballini, in apertura di assemblea ha sottolineato proprio questi aspetti. “Siamo un’Associazione giovane, ma ben strutturata, che assicura ai propri associati servizi tecnici quali la formazione continua, l’aggiornamento costante sui cambiamenti di regole e decisioni (quest’anno, particolarmente rilevante data la cadenza biennale di revisione Randa-Usga), la fornitura di servizi gratuiti di consulenza su quesiti tecnici e in tema di organizzazione gare. L’Assemblea, dopo aver approvato il Bilancio consuntivo, ha dedicato un attento esame ai programmi di attività 2016. La formazione dei soci è il punto di forza dei programmi AIAG, formazione che sarà articolata con iniziative innovative anche sotto il profilo della didattica via web. “Stiamo lavorando a programmi didattici di sviluppo della qualità professionale degli associati, a diversi livelli” conferma il Vice Presidente Marcello Franchi. “Stiamo articolando un’offerta formativa simile a quella in uso nei paesi anglosassoni per alcuni gruppi professionali, non solo per arbitri di golf. La novità è che dominante sarà il web training, oltre ai supporti tradizionali (meeting, formazione con tutor, videoteca resa disponibile dalla convenzione regolegolf.com – Aiag)”.
I soci Aiag si pongono l’obiettivo di diffondere e favorire la conoscenza delle Regole del Golf tra gli amateur italiani, consapevoli che la condivisione dello Spirit of the Game e delle Regole è alla base dello sviluppo qualitativo e quantitativo del gioco del golf. Un ruolo, quello dell’Aiag, che andrà affinandosi sempre di più in vista delle avvincenti sfide che il golf italiano ha di fronte: le Olimpiadi, l’edizione italiana della Ryder Cup (Roma, 2022). Per info e aggiornamenti: www.aiagolf.it Facebook: Associazione Italiana Arbitri Golf.
Due cose di notevole interesse emergono, su cui intendo porre l’accento. Primo: oltre agli arbitri, può far parte dell’Aiag anche chi ha frequentato il corso base, o abbia svolto il ruolo di osservatore o starter, o comunque fatto parte del comitato in gare Fig. Secondo: la disponibilità dell’Aiag di fornire consulenza a chi ne fa richiesta, in tema di organizzazione gare, o chiarimenti su particolari episodi che ci lasciano talvolta qualche interrogativo perché, come ben noto, tra regole e decisioni non è mai finito.
Paolo Pilla