Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
PILLOLE DI GOLF/147: NUOVE TECNOLOGIE, DIVERTIMENTO E SOLIDARIETÀ

Due gare speciali con Bags4dream, Fuorilimite e Par 108


MARTELLAGO - Di questi tempi, freddi e umidi, non si avverte un grosso stimolo a partecipare ad una gara di Golf, salvo che l’attrazione non sia generata dalla simpatia degli ospiti. Ecco, le persone e l’armonia tra quest’insieme di associazioni, dedite a far beneficenza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/146: ARBITRI, GARA E SUMMIT A MODENA

Il resoconto dell'incontro annuale dell'Aiag


MODENA - L’ Associazione Italiana Arbitri Golf, che annovera 171 arbitri italiani, tra i quali il sottoscritto, tutti gli anni...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/145: ALLA DANIMARCA LA COPPA DEL MONDO

Sesta la coppia azzurra Molinari - Manassero


MELBOURNE - Completate le tappe dell’European Tour 2016, c’è ora (24-27 novembre), la 58esima edizione della Coppa del Mondo, la ISPS Handa World of Golf. Un grande torneo, completamente diverso da quelli abituali, una gara di coppia. Si gioca al Kingston Heath GC - PAR 72 di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Benetton Rugby ha annunciato il suo secondo acquisto

MEDIANA TUTTA NUOVA: DOPO BANKS ECCO TITO TEBALDI

"Sono eccitato e non vedo l'ora di cominciare"


TREVISO - Dopo l'annuncio dell'arrivo di Marty Bank, ecco che il Benetton Rugby ufficializza anche quello di Tito Tebaldi.  Mediano di mischia classe 1987, proviene da una famiglia di rugbisti, lo zio Daniele vanta 13 caps con la maglia della Nazionale Maggiore Italiana e le partecipazioni alle Coppe del Mondo 1987 e 1991. Tito è cresciuto nelle file del Noceto Rugby, squadra in cui ha avuto modo di mettersi in luce. Nel 2006 passa al Gran Ducato Parma, facendo il suo esordio giovanissimo in Super 10 e in Challenge Cup.

Nella stagione 2008-09 Tito finisce sotto osservazione dell’allora C.T. della Nazionale Maggiore Nick Mallett, che lo inserisce nella lista dei convocati del tour estivo del 2009, e proprio in quell’occasione fa il suo esordio con la Nazionale Maggiore prendendo il posto dell’infortunato Canavosio nel finale di primo tempo del test inaugurale con l’Australia. Tito conserva la maglia da titolare anche una settimana più tardi a Melbourne nel secondo test contro i Wallabies ed infine, il 27 giugno a Christchurch, contro la Nuova Zelanda. Le abilità tecniche dimostrate, gli permettono di partecipare da mediano di mischia titolare della Nazionale Italiana prima ai Cariparma Test Match del 2009, in cui un suo drop fu determinante nella partita vinta contro Samoa, e successivamente al Sei Nazioni 2010. Nell’estate del 2010 si trasferisce agli Aironi in Celtic League con i quali gioca due stagioni prima di passare alle Zebre per un solo anno. Infine nella stagione 2013/2014 la sua esperienza celtica prosegue nella franchigia gallese degli Ospreys prima di trasferirsi a Londra agli Harlequins Rugby in Premiership, squadra in cui Tebaldi ha giocato sino ad oggi. Le prime dichiarazioni del neo giocatore biancoverde: “Dopo tre anni passati fuori dal paese mi ero ripromesso che sarei tornato a giocare in Italia solo a certe condizioni: per una società importante, ambiziosa e con un progetto solido che non guardasse solo alla stagione imminente. Proprio per questi motivi, quando ho saputo che c’era la possibilità di firmare per Treviso ho subito realizzato che non potevo farmela scappare. Sono convinto che ci siano tutti i presupposti per lavorare bene e raggiungere certi obiettivi, in un ambiente super professionale, con allenatori di grande livello. Sono molto eccitato e non vedo l’ora di cominciare la pre stagione. Per quanto mi riguarda, la competizione nel mio ruolo sarà molto forte e così dev’essere. Per vincere bisogna costruire un gruppo ambizioso che prima di tutto lotti per la maglia da titolare. Il mio obiettivo sarà infatti quello di giocare e vincere più partite possibili con questi colori. In chiave obiettivi, spero che l’esperienza accumulata in questi 3 anni possa essere d’aiuto a me e magari, visto il ruolo che ricopro, anche alla squadra, giovani su tutti”