Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Maggiori informazioni
Golf
CAMPI DA GOLF/15: GOLF CLUB PUNTA ALA

Sulla costa della Maremma un percorso impegnativo e spettacolare


PUNTA ALA - Da sempre la Toscana è conosciuta per essere una splendida regione. Si arriva in Maremma, e la cosa ha, per certi aspetti, una connotazione ancora maggiore. A sud del golfo di Follonica troviamo Castiglione della Pescaia, e subito si arriva a Punta Ala, un tempo chiamata...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/169: SPETTACOLO E INNOVAZIONE: ╚ GOLFSIXES

A Londra, l'European Tour sperimenta una nuova formula


LONDRA - Al Centurion Club di St. Albands, a Londra, l’evento inaugurale di questo rivoluzionario agone, il “GolfSixes”, che assegna un premio di un milione di euro. Con tale torneo Keith Pelley, il ceo del Tour Europeo, intende rinnovare un po’ gli schemi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/168: FESTA IN PIAZZA A MARTELLAGO CON IL GOLF

Anche lo sport protagonista nella tradizionale manifestazione nella cittadina veneziana


MARTELLAGO - Martellago è una cittadina dell’entroterra veneziano vocata e particolarmente attenta al settore primario, l’agricoltura. Gli abitanti sono laboriosi, e attaccati alle memorie del passato. Nel 1945, alla fine del disastroso conflitto mondiale, entrò in uso per...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'analisi della Camera di commercio sul primo trimestre

MANIFATTURIERO, AD INIZIO 2016 MEGLIO L'ITALIA DELL'EXPORT

Frena l'economia trevigiana rispetto agli ultimi 3 mesi 2015


TREVISO - Manifatturiero trevigiano, come è andata la prima parte dell’anno? Malino, rispetto al trimestre precedente: lo conferma la periodica indagine della Camera di commercio, soprattutto con riferimento alle imprese più esposte sui mercati esteri. Prosegue tuttavia il trend di su base annua, che resta positivo per quasi tutti gli indicatori. Ciò anche per un effetto compensazione generato da quella parte di imprese (in prevalenza piccole) che lavora sulla componente nazionale della domanda, in recupero. Peraltro, le previsioni moderatamente positive per il secondo trimestre (aprile-giugno), coerenti con gli indicatori anticipatori disponibili a livello nazionale, fanno pensare ad un altro "stop and go" vissuto dal sistema imprenditoriale trevigiano. Più in generale, spiegano dall'ente di piazza Borsa, la variabilità e l’instabilità restano ancora i tratti di fondo del ciclo economico.
La produzione mostra un andamento "strabico". La variazione annua è del più 3,5%, senza significative disparità tra imprese appartenenti alle diverse classi dimensionali. Il passo congiunturale, cioè rispetto al precedente trimestre, tuttavia, è negativo: meno 1,6%. E questa negatività è generata in prevalenza dalla media impresa, di contro alla “calma piatta” della piccola impresa e ad una lieve positività per la micro-impresa.
Il fatturato testimonia la parziale divergenza tra performance sui mercati esteri e sul mercato nazionale (al contrario di come solitamente abituati) emerge in modo abbastanza chiaro dalle variazioni congiunturali sul fatturato. Quello estero conosce una flessione del 5,3%, più sostenuta nella media impresa, ma che non risparmia neppure la piccola impresa. Anche le vendite in Italia risultano in flessione nel trimestre (meno 2,1%); ma si smarcano in positivo, rispetto a questo dato, le microimprese (più 2,2%).